BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

MAFIA/ E' morto a 100 anni di età il padrino Procopio Di Maggio: non è mai stato arrestato

Senza mai essere finito in carcere, è morto a cento anni di età l'ultimo padrino della mafia ancora in libertà, Procopio Di Maggio, era un fedelissimo di Totò Riina

Immagine di archivioImmagine di archivio

Lunga vita e sempre fuori del carcere. Procopio Di Maggio era l'unico boss della Cupola rimasto in libertà. Era stato condannato al maxiprocesso istituito da Borsellino e Falcone ma se l'era cavata dall'accusa di aver ordinato circa venti omicidi senza andare in galera. E' morto tranquillamente nella sua abitazione di Martin Teresa a Cinisi, lo stesso paese di Peppino Impastato il giornalista ucciso dalla mafia,  in provincia di Palermo dopo che aveva compiuto lo scorso 6 gennaio i cento anni, festeggiati alla grande con tanto di fuochi di artificio. Nella sua vita avevano cercato di ucciderlo ma era scampato a due attentati, uno nel 1983 e uno nel 1991. Uno dei figli, Gaspare, è invece in galera condannato al carcere duro, l'altro, Giuseppe, è morto in circostanze misteriose. Il questore ha vietato i funerali pubblici, la salma potrà essere trasportata al cimitero in forma strettamente privata. Era considerato un fedelissimo di Totò Riina.

© Riproduzione Riservata.