BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

RAFFAELE GUERRIERO / Chi è il consigliere Pd arrestato: sospeso dal partito, “segnale chiaro" per Mirabelli (Oggi, 30 giugno 2016)

Raffaele Guerriero, arrestato oggi il neo consigliere del Pd. Secondo la Procura avrebbe estorto denaro ad una ditta con l'aggravante del metodo mafioso.

Raffaele GuerrieroRaffaele Guerriero

Dopo la notizia dell'arresto del consigliere comunale del Pd, Raffaele Guerriero, accusato di estorsione aggravata dal metodo mafioso, è stata inevitabile la sua sospensione dal partito. A motivare questa decisione a Il Velino, è stato il senatore Franco Mirabelli, commissario del Pd casertano e capogruppo del Pd in Commissione Antimafia. "Al di là dei garantismi abbiamo dato un segnale chiaro dal punto di vista politico sospendendo Guerriero dal PD e, nel caso la commissione elettorale lo proclamasse consigliere comunale, auspico che si dimetta", ha commentato Mirabelli. Il senatore auspica nel buon lavoro della magistratura nel caso di Raffaele Guerriero, ma in attesa dei risultati del suo lavoro ha deciso di allontanare "chi potrebbe essere coinvolto nel malaffare". "Tutte le scelte che facciamo sono ispirate dalla volontà di trasmettere segnali chiari su rinnovamento e legalità. Abbiamo lavorato tanto nei mesi scorsi, controllando le liste in tutti e 32 comuni del casertano, purtroppo non possiamo prevedere tutto", ha aggiunto Mirabelli che per il futuro spera di poter dimostrare ai proprie elettori "di aver fatto la scelta giusta".

, neo consigliere del Pd è stato arrestato oggi con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Ne dà notizia il quotidiano La Stampa versione online, che ripercorre l'intera indagine partita lo scorso aprile e che ha portato all'arresto del consigliere di 34 anni di recente eletto nel consiglio di Marcianise, in provincia di Caserta. A finire in manette insieme a Raffaele Guerriero anche Tommaso Del Gaudio, il responsabile dei dipendenti della ditta Dhi, che si occupa della raccolta dei rifiuti a Santa Maria Capua Vetere. I due arresti sono stati condotti dall'Antimafia di Napoli. Guerriero e Del Gaudio, entrambi dipendenti della Dhi, avrebbero estorto denaro ai vertici dell'azienda, dietro minaccia di scatenare le proteste dei lavoratori. Nei mesi tra aprile e giugno, attraverso questo metodo, avrebbero visto i loro normali stipendi maggiorati di 3000 euro. A far scattare le indagini lo scorso aprile, fu una protesta di 24 ore avviata dai dipendenti della ditta, i quali avevano manifestato il loro malcontento in seguito ai ritardi nel ricevimento degli stipendi. Da qui una multa salatissima all'azienda da parte del Comune di Santa Maria Capua Vetere, ma le indagini in corso avrebbero fatto trapelare i malaffari di Raffaele Guerriero e del secondo arrestato della giornata. Il passato di Del Gaudio sarebbe piuttosto noto nell'ambiente: qualche mese fa era stato arrestato per aver sparato ad un esponente della famiglia dei Fava. In merito a Raffaele Guerriero, come specifica Villa Moronese (M5S) sul Blog di Beppe Grillo, è stato eletto consigliere comunale a Marcianise nel corso delle ultime elezioni con il Sindaco Antonello Velardi del Pd, caporedattore centrale del Mattino. Come riporta proprio quest'ultimo quotidiano, il partito del Pd avrebbe già sospeso Guerriero in attesa dell'esito del lavoro della magistratura.

© Riproduzione Riservata.