BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SABRINA BLOTTI / Uccisa a colpi di pistola dall'ex ossessionato: lui si toglie la vita nel Duomo di Cervia (Amore Criminale, 30 giugno 2016)

Sabrina Blotti, il caso di omicidio-suicidio affrontato nell'ultima puntata di oggi di Amore Criminale. La donna uccisa dall'ex compagno 60enne ossessionato dalla fine della loro relazione.

Amore Criminale Amore Criminale

SABRINA BLOTTI, UCCISA A COLPI DI PISTOLA DALL’EX CHE NON SI RASSEGNAVA ALLA FINE DELLA LORO STORIA, LUI SI SUICIDA DOPO LA FUGA (AMORE CRIMINALE, OGGI 30 GIUGNO 2016) - La tragica storia di Sabrina Blotti, sarà affrontata questa sera nel corso dell'ultima puntata di Amore Criminale, in onda su Rai 3 dalle ore 21:05 circa. Quella di Sabrina è una storia di sangue e di un amore non corrisposto, culminata nel terribile omicidio avvenuto il 31 maggio 2012 a Cesena. Durante la puntata di Amore Criminale saranno ripercorse tutte le tappe del tragico delitto, a partire dal primo incontro tra la vittima, 45enne originaria di Bari, divorziata e madre di due figli e Gaetano Delle Foglie, 60enne commerciante di frutta e verdura e padre di una sua intima amica. Nel giro di poco tempo l'uomo iniziò a nutrire una vera e propria ossessione nei confronti di Sabrina e proprio dopo la separazione della donna dal marito Gianni, il 60enne iniziò ad insinuarsi con maggiore insistenza nella sua vita. La loro frequentazione ebbe una breve durata poiché Sabrina Blotti decise di porre fine alla loro relazione, spesso caratterizzata da vere e proprie scenate di gelosia e aggressioni verbali. Dal momento del loro allontanamento, tuttavia, colui che si sarebbe poi rivelato il suo assassino si trasformò in un vero e proprio stalker. Messaggi e telefonate senza interruzione, con il passare del tempo mutarono nel tono passando da inopportune offese a vere e proprie minacce di morte. Gaetano, nel corso di una visita medica confidò ad una dottoressa le intenzioni di uccidere la sua ex e questo la spinse a sporre denuncia presso i Carabinieri. Una nuova denuncia a carico dell'uomo giunse poco dopo dalla stessa Sabrina Blotti, ormai stanca delle numerose telefonate di minaccia. Delle Foglie fece perdere le sue tracce per un breve periodo, fino alla mattina del 31 maggio 2012, quando si consumò la tragedia. Sabrina fu freddata da tre colpi di pistola, dopo essere uscita dall'abitazione di un'amica che la ospitava. Gaetano si diede immediatamente alla fuga, barricandosi all'interno del Duomo di Cervia e minacciando il suicidio. Al termine di una estenuante trattativa, il killer di Sabrina Blotti fece il secondo gesto eclatante, togliendosi la vita.

© Riproduzione Riservata.