BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MARINA ARDUINI / News, uccisa per questioni di denaro? (Chi l'ha visto, oggi 8 giugno 2016)

Marina Arduini, il giallo della scomparsa della commercialista, avvenuto 9 anni fa. Se ne parlerà di nuovo a Chi l'ha visto: ci sono nuove piste? La donna stava per denunciare la truffa?

Immagine di archivio (infophoto) Immagine di archivio (infophoto)

La scomparsa di Marina Arduini, la commercialista di Frosinone avvenuta nove anni fa, desta ancora molti dubbi. Si è trattato davvero di un allontanamento volontario? Alla luce degli elementi finora raccolti, compresa l'auto della donna ritrovata due anni dopo a Roma, i sospetti tenderebbero a far parlare di omicidio. Il giallo sarà affrontato anche questa sera nel corso della trasmissione Chi l'ha visto che fornirà ai telespettatori alcuni aggiornamenti sulla vicenda sebbene la pista predominante sia quella dell'omicidio. In base a quanto si legge sul sito ufficiale della trasmissione di Rai 3, infatti, Marina Arduini potrebbe essere stata uccisa per questioni di denaro. C'entra realmente la misteriosa truffa ai suoi danni della quale la donna ne apprese l'esistenza solo due settimane prima di far perdere le sue tracce?

Prosegue il giallo sulla scomparsa di Marina Arduini, la commercialista di Frosinone la cui auto fu ritrovata parcheggiata a Roma a distanza di due anni dalla sua misteriosa sparizione avvenuta nel 2007. Il caso tornerà centrale nella trasmissione Chi l'ha visto che già nelle passate settimane aveva dedicato ampio spazio fornendo una ricostruzione di quanto avvenuto a partire da due settimane prima, nel febbraio di nove anni fa, quando si ipotizza la scoperta, da parte della donna, di una truffa ai suoi danni. Si trattava di un finanziamento a suo nome per l'acquisto di pavimenti, sanitari e mattonelle per un valore di quasi 14 mila euro e che prevedeva una rata mensile di 288 euro per la durata di cinque anni. Dietro la scomparsa di Marina Arduini potrebbe esserci un terribile omicidio? L'avvocato Antonio Maria La Scala, come riporta il sito Ciociariaoggi.it, avrebbe manifestato pochi dubbi in merito, al punto da asserire: "Questo che cos'è? E' l'ennesimo femminicidio".

Il giallo sulla scomparsa di Marina Arduini, avvenuto ormai 9 anni fa, continua a lasciare senza risposte numerose domande, a partire da quei 13 mila euro che le sarebbero stati sottratti. Del caso se ne è già discusso nelle scorse settimane, così come negli anni, a Chi l'ha visto e se ne tornerà a parlare anche nella puntata di questa sera. Secondo la ricostruzione del programma infatti, Marina Arduini sarebbe scomparsa nel febbraio del 2007 proprio dopo aver scoperto di essere stata vittima di una truffa. Qualcuno aveva acquistato per suo conto pavimenti, mattonelle e sanitari per il valore di 13.800 euro, facendo delle rate mensili che prevedevano un piano di rientro di 5 anni. Il raggiro era stato attuato dall'amante, ripota Blogo: un uomo di Alatri, ora indagato per omicidio ed occultamento di cadavere, ed una donna di nome Mariagrazia. L'interrogativo che rimane è quindi se quella mattina in cui se ne sono perse le tracce, Marina Arduini stesse per denunciare la truffa. Uno degli elementi più strani dell'intero caso è che la macchina della commercialista venne ritrovata a Roma, mentre il suo telefonino è stato agganciato da una cellula di Salerno prima di essere spento. Questo tragitto del tutto improbabile non aveva convinto fin da subito sia gli inquirenti che la famiglia che più di una volta invece vi hanno intravisto un tentativo di depistare le indagini. Una testimone invece la vide salire alla stazione di Termini, ma la descrizione degli abiti indossati dalla donna in quel momento non corrispondevano a quelli di Marina Arduini. A fine aprile l'uomo di Alatri, un imprenditore, si era voluto discolpare da ogni accusa proprio approfittando delle telecamere di Chi l'ha visto, mantenendo l'anonimato sia sul nome che sul volto. Alle domande della conduttrice però non è riuscito a rispondere in maniera esaustiva, limitandosi a riferire di essere dispiaciuto per la famiglia. 

© Riproduzione Riservata.