BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IMMIGRATO UCCISO DA CARABINIERE/ Il vero dramma di chi non ha pietà della vita altrui

Pubblicazione:

La tendopoli di san Ferdinando vicino a Rosarno (Foto dal web)  La tendopoli di san Ferdinando vicino a Rosarno (Foto dal web)

Chi davanti a un computer, nella sua comoda stanza, commenta una notizia come questa e scrive frasi prive di ogni sentimento di bene, piene di rabbia contro tutto e tutti, può ben a diritto essere annoverato tra i violenti, i peggiori. Quelli che uccidono la propria integrità di uomini e di donne, di italiani e di italiane abbassandosi a sparare sugli altri la loro pretesa falsa moralità. Questi sì che è difficile comprenderli: vivono forse in prima linea, a fianco della violenza che ogni momento può accendersi? Raccolgono arance per tutto il giorno, guadagnando due lire per tornare la sera, soli, sotto la loro tenda? Così poveri da preferire questo al rimanere nel loro paese?

Se almeno l'indignazione nei confronti di questi signori potesse farne tacere solo uno, forse non si sarebbe scritto invano intorno a un fatto che, ancora una volta, obbliga a riflettere sulla giustizia in questo sconsolato paese.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
09/06/2016 - Carabinieri (claudia mazzola)

Mio marito ha fatto la leva nei carabinieri, c'è gente di ogni temperamento nel corpo e sono eccezionali per il mestiere che fanno. E' terribile uccidere un uomo, anche per difendersi. Ma se non ci difendono loro chi lo fa?