BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FOTO BIMBA UCCISA/ Attentato a Nizza, la nostra "condanna" a ricordare chi siamo

Pubblicazione:

Il cadavere della bimba uccisa (Foto dal web)  Il cadavere della bimba uccisa (Foto dal web)

Bisogna reagire, altro che far finta di niente. Tornare a dire ad alta voce che il male è male, e il bene è bene, e la differenza è chiara in ogni uomo. Non si può capire il corpo di una bambina schiacciato sull'asfalto, e non per una fatalità. Chi uccide così è il male, armato dal Male, sostenuto dal male. Quest'Europa esitante e divisa ha saputo nei suoi giorni migliori reagire, rispondere unita al nemico più terribile che la storia recente ricordi, il nazismo. Questi fondamentalisti islamici sono così. Stessa ferocia, stessa follia. Bisogna annientarli. E chi crede nell'islam dovrebbe con più forza e senza se e ma dichiarare apertamente il suo odio, il suo disprezzo, il suo brivido davanti a chi si appropria del loro dio.

Condanna unanime e al di là del tempo, altro che paradiso delle vergini. Solo così potremo guardarci intorno e  sentirci amici, fratelli, come abbiamo sempre pensato, in quest'Europa senza frontiere, pasticciona, incasinata, ingiusta, diseguale ma dove le donne non vengono lapidate, dove chi sbaglia va sotto processo, dove le idee e le differenze vengono rispettate e non si viene scaraventati giù da un palazzo per un amore che sembra sbagliato. 

Un'Europa dove la gente scende per le strade cantando, battendo le mani, suonando, sorridendo, perché ama la felicità. Lo so che tanti corpi di bambini nel mondo finiscono stritolati dalle bombe e sanguinano nella polvere, nell'indifferenza di chi si crede lontano. Ma non sono gli assassini dell'Isis ad aver pietà d loro. Li uccidono anche loro, e ne ammazzano e torturano padri e madri. Non crediamo mai, neppure per un attimo fugace, alla loro propaganda, non permettiamo che qualcuno si alzi a dar loro voce e complicità. Abbiamo mille anni fa scritto norme che ritenevano inaccettabile l'occhio per occhio e dente per dente. Eravamo barbari. Prima che la legge del taglione si impossessi di nuovo di noi, e qualcuno reso folle, sì, dal dolore, vada in cerca di nemici da uccidere a sua volta, e trasformiamo i nostri paesi in un inferno. E' questo che vogliono. 

Non possiamo far finta di niente, credere che si possa vivere e far giocare sereni i nostri figli senza la paura, e il ricordo che dilania l'anima. Ma alzeremo la testa, dicendo ai nostri figli che siamo in guerra, che siamo noi i buoni, siamo noi quelli che amano la vita. Oggi di più, anche se l'abbiamo troppe volte trascurato, e abbiamo agito contro di lei. Ricordiamoci chi siamo, cosa fonda la nostra libertà e sguardo al domani. A te piccola, sotto i lampioni di una notte d'estate, buttata a terra e strappata alla vita, che devi per forza essere in un posto migliore, non so dire altro che veglia su di noi. E chiediglielo tu, al Padre che ti ha creata, di proteggere i tuoi figli, di farci capire il senso di questo dolore che non si può spiegare e lenire. Perché non si uccida la speranza.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.