BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STUPRO A ROMA / News Villa Ada, 16enne violentata ai Parioli: si cercano riscontri, bugia per coprire la fuga da casa? (Oggi, 18 luglio 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagini di repertorio  Immagini di repertorio

STUPRO A ROMA, NEWS VILLA ADA: 16ENNE VIOLENTATA, SI CERCANO RISCONTRI. SPUNTA IPOTESI DELLA BUGIA PER NASCONDERE LA FUGA (ULTIME NOTIZIE, OGGI 18 LUGLIO 2016) - E se il racconto della sedicenne presunta vittima di violenza da parte di due extracomunitari a Villa Ada fosse solo il frutto di una bugia? E' una delle ipotesi relative al caso della ragazzina scappata di casa da Firenze la scorsa domenica in direzione Roma, dove sarebbe stata stuprata da due giovani egiziani 21enni nel quartiere dei Parioli. Lo riferisce La Stampa online, facendo chiarezza sul giallo e sul racconto della sedicenne. Mentre proseguono le indagini della polizia cercando di ricostruire quanto avvenuto ieri dopo la denuncia da parte della nonna della 16enne della fuga da Firenze e dopo il racconto della ragazzina che avrebbe asserito di essere stata vittima di uno stupro, si apprendono i primi riscontri medici. I sanitari non avrebbero riscontrato alcun segno di violenza sulla sedicenne. I due extracomunitari indicati dalla stessa sono stati condotti in commissariato e denunciati, ma si tratterebbe di un atto dovuto poiché la vicenda della violenza sarebbe ancora da confermare. Non si esclude, infatti, l'ipotesi che si sia trattato di una mera bugia raccontata dalla ragazzina per coprire la fuga da casa.

STUPRO A ROMA, NEWS VILLA ADA: 16ENNE VIOLENTATA, DENUNCIATI DUE GIOVANI EGIZIANI ORA IN STATO DI LIBERTÀ (ULTIME NOTIZIE, OGGI 18 LUGLIO 2016) - Un nuovo caso di violenza sessuale a scapito di una minorenne è avvenuto a Roma, la scorsa domenica. E' quanto emerso dal racconto della vittima, una sedicenne fiorentina, aggredita da due ragazzi 21enni di origine egiziana. Secondo quanto riportato dal Corriere.it, la minorenne sarebbe scappata di casa raggiungendo in treno la Capitale. Non era la prima volta che la ragazzina tentava la fuga. Ad inseguirla nel suo capriccio adolescenziale era stata la nonna la quale però, giunta alla stazione Termini, l'avrebbe persa di vista. La donna si sarebbe quindi rivolta ad un agente della polizia presente nello scalo ferroviario il quale sarebbe riuscito a conquistare telefonicamente la fiducia della ragazzina fino a farsi dire il luogo in cui si trovava. Raggiunta dalla volante davanti ad una delle uscite del parco di Villa Ada, la ragazzina sarebbe stata ritrovata in uno stato di shock. Agli agenti avrebbe fatto intendere di essere rimasta vittima di "qualcosa di brutto", poi avrebbe indicato il luogo in cui si sarebbe consumata la violenza sessuale ai suoi danni. Il fattaccio sarebbe avvenuto all'interno delle "case mobili", le baracche abbandonate e presenti all'interno della grande area verde ai Parioli, abitate comunemente da senzatetto. E' qui che la polizia avrebbe trovato anche i due giovani ora denunciati in stato di libertà con l'accusa di violenza sessuale. Resta da accertare la violenza a scapito della sedicenne che nel frattempo è stata accompagnata presso l'Umberto I al fine di essere sottoposta ai controlli di rito, sebbene dai primi accertamenti non sarebbero emersi segni evidenti di stupro.



© Riproduzione Riservata.