BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Ultime Notizie / Oggi, ultim'ora: Turchia, agguato contro il vicesindaco di Istanbul. E' in gravi condizioni (lunedì 18 luglio 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Attentato di Nizza - La Presse  Attentato di Nizza - La Presse

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 18 LUGLIO 2016 (ULTIM'ORA): TURCHIA, AGGUATO CONTRO IL VICESINDACO DI ISTANBUL. E' IN GRAVI CONDIZIONI - Non si placano ancora le tensioni a Istanbul, dove due persone hanno aperto il fuoco. Nella sparatoria avvenuta nella sede della municipalità di Sisli, governata dal Partito popolare repubblicano Chp, che è all'opposizione, è rimasto ferito Cemil Candas, vicesindaco della città. Stando a quanto riportato dall'agenzia statale Anadolu, ora sarebbe in gravi condizioni: l'assalitore gli ha sparato alla testa. Uno degli aggressori, invece, è stato arrestato. La situazione in Turchia resta tesa: secondo quanto ricostruito dall'emittente locale Ntv, l'aggressore è entrato nell'ufficio di Cemil Candas e poi si sono uditi degli spari. Il vicesindaco avrebbe riportato ferite alla testa. Intanto è stato aggiornato il bilancio dei morti dopo il tentativo di colpo di Stato: sono 312, mentre i feriti sono quasi 1500. La cifra è stata aggiornata dal premier Binali Yildirim, secondo cui le vittime sono 145 civili, 60 poliziotti e 3 soldati, a cui vanno aggiunti almeno 104 morti tra i militari golpisti.

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 18 LUGLIO 2016 (ULTIM'ORA): TURCHIA, SPARI DAVANTI AL TRIBUNALE DI ANKARA - Un uomo in divisa militare è stato ucciso dopo che aveva sparato colpi di arma da fioco davanti al tribunale di Ankara. L'atmosfera è ancora tesa in Turchia dopo il tentativo di colpo di stato mentre Erdogan sta facendo piazza pulita di qualunque sospetto contro di lui. Tra l'altro è stata diffusa la notizia che esistesse già prima del colpo di stato una lista con i nomi di tremila persone da arrestare. In totale al momento risultato sospesi dal loro lavoro 30 prefetti su 80; 8777 dipendenti del ministero degli interni; 7899 poliziotti; 47 governatori di distretti provinciali. Circa 3mila invece i militari in stati di arresto su cui Erdogan ha invocato il ripristino della pena di morte. Un numero di persone così alto che è difficile pensare si possa ottenere dopo poche ore dal tentativo di colpo di stato se in precedenza non si fosse già voluto eliminare tutte queste persone. CLICCA SU QUESTO LINK PER LA NOTIZIA APPROFONDITA

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 18 LUGLIO 2016 (ULTIM'ORA): STRAGE DI NIZZA, 100MILA EURO DI PAGAMENTO - Il fratello d Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il  killer di Nizza, si domanda come abbia potuto ricevere tutti quei soldi: 100mila euro. Glieli ha mandati il fratello pochi giorni prima di mettere in atto il suo piano omicida. Si tratterebbe, secondo le autorità francesi, del pagamento da parte dell'Isis per commettere il crimine: avvicinare un musulmano in crisi economica e personale, promettergli un sacco di soldi con cui sistemare la famiglia e accettare così l'ordine di uccidere. Bohlel infatti, che non era mai stato un tipo particolarmente interessante all'Islam, sarebbe stato radicalizzato da un emissario del califfato giunto a Nizza un mese fa. Si saprebbe anche chi è: Moez Fezzani, ex detenuto nel carcere di Guantanamo, passato anche per l'Italia, specializzato nel far diventare terroristi musulmani che vivono in occidente. Addirittura si pensa che le armi giocattolo che l'uomo aveva con sé sul camion gli siano state date apposta, perché non cambiasse idea.

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 18 LUGLIO 2016 (ULTIM'ORA): RAGAZZA STUPRATA A ROMA DA DUE TUNISINI - Baracche abitate da senzatetto e stranieri nel pieno centro, quello più elegante e ricco di Roma, in mezzo alle ambasciate e le università. E' qui, stando ai suoi racconti fatti alla polizia in visibile stato di shock, che una ragazzina di 16 anniè stata stuprata a turno da due nordafricani. Il luogo è Villa Ada quartiere Parioli. Appare inconcepibile che in questa zona esistano baracche abitate da disperati e violenti, appare incredibile che nella capitale non si possa passeggiare in una sera estiva. Erano solo le 20 di sera quando l'episodio è accaduto, mezz'ora dopo la ragazzina è riuscita a fuggire, il viso tumefatto per le botte ricevute, le gambe che non le reggevano. Una violenza estrema quella messa in atto dai due nordafricani. La polizia ha trovato i due stupratori, entrambi tunisini, sdraiati sui materassi della loro baracca, non hanno neanche pensato di andare a nascondersi. I due erano già segnalati alle forze dell'ordine per molestie sessuali. Roma, città in cui le ragazze devono nascondersi per non essere stuprate.

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 18 LUGLIO 2016 (ULTIM'ORA): NUOVA ''IMBOSCATA'' ALLA POLIZIA AMERICANA, ALMENO TRE AGENTI UCCISI - L’ennesimo atto di violenza contro le forze dell’ordine americana, quella che è avvenuta oggi a Baton Rouge, in Louisiana ad opera di alcuni sconosciuti, e che ha portato all’uccisione di almeno tre poliziotti e al ferimento di un altro agente, trasportato all’ospedale in gravissime condizioni. Anche uno degli aggressori è stato ucciso, e a quanto si apprende almeno altri due sospetti sono ricercati. L’episodio è stata una vera e propria "imboscata", con gli agenti che si sono portati sul luogo della sparatoria in risposta ad una chiamata al 911. Appena giunti sono stati fatti segno da ripetuti colpi di arma da fuoco da diverse posizioni, segno questo di una "pianificazione attenta". Il luogo della sparatoria è lo stesso dove il 5 luglio aveva perso la vita, per mano della polizia, Alton Sterling, uccisione che aveva portato alla "strage di Dallas". Cordoglio è stato espresso dalla Casa Bianca.

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 18 LUGLIO 2016 (ULTIM'ORA): NIZZA, ALTRI TRE ARRESTI - Continuano le indagini su quello che ormai sarà ricordato come "l’attentato del camion", attentato che ha causato 84 morti e più di 200 feriti. Oggi la polizia francese ha operato altri tre arresti, in quella che ora dopo ora sembra una grossa rete di terroristica che agiva "sotto copertura". E mentre la Francia piange le sue vittime, emergono nuovi particolari sugli ultimi giorni di vita del "mostro". Mohamed Lahouaiej Bouhlel nei giorni precedenti alla strage aveva inviato oltre 80.000 euro al fratello in Tunisia, denaro che secondo gli investigatori rappresentava il pagamento dell’attentato. Dalla visione delle telecamere di sorveglianza del lungomare emerge anche come l’uomo avrebbe effettuato delle "ricognizioni" della zona, "ricognizioni" che servivano a trovare il modo per introdurre il grosso camion sul luogo scelto per la strage. Sotto osservazioni anche gli ultimi messaggi inviati con il telefonino dell’attentatore, messaggi che sembrerebbero confermare la sua appartenenza alla rete del terrore. 

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 18 LUGLIO 2016 (ULTIM'ORA): GOLPE IN TURCHIA, CONTINUA LA REPRESSIONE - Continua senza soste la repressione dello stato turco, contro gli autori di quello che ora dopo ora sembra un golpe organizzato in "maniera approssimativa". Oltre seimila le persone che fino ad oggi hanno varcato le soglie dei carceri turchi, ma l’opera di pulizia sembra ancora non conoscere la parola "fine", con la polizia fedele ad Erdogan, che lavora a pieno regime, fin dalle ore successive al fallito colo di stato. Oggi intanto duro scontro diplomatico con gli americani, colpevoli secondo Erdogan di dare ospitalità a Fethullah Gulen, indicato da molti come "vera mente" della mancata presa di potere. Continua comunque anche l’opera di normalizzazione, con la ripresa delle prime missioni "anti ISIS", missioni che prendono il via dalla base turca di Incirlik, e che erano state sospese nei giorni scorsi.

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 18 LUGLIO 2016 (ULTIM'ORA): CALCIOMERCATO CHE ENTRA NEL CLOU Sembra essere la Juentus la vera star di quest’inizio di calcio mercato, con la squadra bianconera scatenata alla ricerca di nuovi rinforzi che possano portare in dote quella Champions tanto desiderata. Domani incontri per Pjaca, Gabigol e Higuain, pedine importanti che però impongono anche qualche cessione. Soprattutto per il "pepita" previsto un investimento importante, investimento che potrebbe essere coperto integralmente dalla cessione di Pogba, dalla quale si potrebbe ricavare quasi 200 milioni di euro. 



© Riproduzione Riservata.