BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STEFANO RICUCCI / Arrestato per fatture false: corruppe il giudice con donne e soldi (ultime notizie oggi, 20 luglio 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Stefano Ricucci (Foto: LaPresse)  Stefano Ricucci (Foto: LaPresse)

STEFANO RICUCCI NEWS, ARRESTATO PER FATTURE FALSE: LE ACCUSE DI CORRUZIONE (OGGI, 20 LUGLIO 2016) - Giornata nera per Stefano Ricucci che questa mattina è stato arrestato in merito alle indagini sulla sua società Magiste, con l’acusa di false fatture emesse per circa 1 milione di euro. Secondo i pm però l0impianto accusatorio è ben già ampio: come riporta un’agenzia Agi, Stefano Ricucci “retribuiva” ovvero corrompeva il giudice relatore della Commissione Tributaria Regionale del Lazio (Nicola Russo, anche lui indagato) con soldi ma anche donne. In cambio, l’accusa del pm mette in luce come l’imprenditore ex “furbetto del quartierino” otteneva favori della società del gruppo Magiste. Ricacci si era procurato una ingente somma in contanti nel periodo della decisione  e Russo invece aveva comprato un’auto e un’immobile subito la sentenza a favore di Ricucci e della Magiste. Secondo l’Agi però l’ex immobiliarista avrebbe fornito anche una donna a Russo con la quale il giudice avrebbe passato la notte nell’hotel Valadier senza essere registrati e pagando solo in contanti.

STEFANO RICUCCI NEWS, ARRESTATO PER FATTURE FALSE: I NUOVI GUAI DOPO BANCOPOLI (OGGI, 20 LUGLIO 2016): "MI PORTATA IN GALERA PER QUESTO?" - Era incredulo stamattina Stefano Ricucci quando la Guardia di Finanza lo ha arrestato con l'accusa di aver emesso fatture false. Ricucci, come riferisce il Corriere della Sera, avrebbe detto: «Ma come? Mi portate in galera per un paio di fatture?». A confermare che «non riusciva a crederci» è il legale Leonardo Mercurio. Dunque Stefano Ricucci, uno degli ex “furbetti del quertierino” protagonisti delle inchieste di Bancopoli nell’estate 2005, torna di nuovo a far parlare di sé e soprattutto torna in carcere. Dieci anni dopo è stato infatti trasferito nel carcere di Regina Coeli a Roma. Oltre all'accusa di essere coinvolto in un giro di fatture false da oltre un milione di euro, c'è anche quella di essere "inserito in un «sistema» dove si incrociano faccendieri e giudici amministrativi, politici e funzionari pubblici". Secondo gli inquirenti, le fatture false sarebbero state per Stefano Ricucci il mezzo per ottenere un'ingente liquidità finanziaria.

STEFANO RICUCCI NEWS, ARRESTATO PER FATTURE FALSE: I NUOVI GUAI DOPO BANCOPOLI (OGGI, 20 LUGLIO 2016) - Stefano Ricucci torna di nuovo sulle cronache, suo malgrado: uno degli ex “furbetti del quertierino” protagonisti delle inchieste di Bancopoli nell’estate 2005, è stato arrestato questa mattina dalla Guardia di Finanza per un altro filone d’inchiesta che ha coinvolto altri imprenditori come Miko Coppola. L’accusa, secondo Ansa, è emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. L’ordinanza è stata firmata ed emessa dal Gip di Roma ieri sera con le indagini concluse dalla Polizia Tributaria; in sostanza, le fatture false di cui sarebbe accusato Stefano Ricucci si avvicinano alla cifra di un milione di euro, e sarebbero state utilizzata dall’ex accusato di Bancopoli (poi assolto definitivamente nel 2013) per ottenere liquidità finanziaria. Non solo Ricucci e Coppola tra gli indagati, anche un magistrato del Consiglio di Stato facente parte della Commissione Tributaria Regionale, Nicola Russo. Le indagini si inseriscono in un ampio contesto che parte tutto dal fallimento di una società del Gruppo Magiste che è riconducibile a Ricucci stesso: torna così in mezzo al clamore giudiziario l’imprenditore, anche ex marito di Anna Falchi, dopo i falliti assalti per le scalate di Bnl e Antonveneta, per passare poi alla scalata anche qui fallita per il Corriere della Sera nell’estate 2005 dove scoppiò lo scandalo Bancopoli con la celebre battuta lanciata dallo tesso Ricucci sui “furbetti del quartierino”.

< br/>
© Riproduzione Riservata.