BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SAN GIACOMO/ Santo del giorno, il 25 luglio si celebra uno dei dodici apostoli di Gesù Cristo

San Giacomo, è il santo che viene celebrato nella giornata di oggi, lunedì 25 luglio dalla chiesa cattolica. E' stato uno dei dodici apostoli di Gesù e fratello di San Giovanni apostolo

Immagine presa dal webImmagine presa dal web

San Giacomo di Zebedeo, altrimenti detto Giacomo il Maggiore, San Jacopo o San Iacopo è stato uno dei dodici apostoli di Gesù Cristo. Nacque a Betsaida, in Galilea, anche se non si conosce con precisione l'anno. Oltre ad essere il figlio di Zebedeo e di Salome era anche il fratello di San Giovanni apostolo ed evangelista; secondo quanto riportano i vangeli sinottici (quelli di Marco, Matteo e Luca) Gesù li reclutò insieme sulle rive del lago Genesaret. Secondo le voci che si sono tramandate era una delle persone più fedeli a Gesù assieme a pochi altri. Inoltre era presente con gli apostoli Pietro e Giovanni quando Gesù fu protagonista della celebre trasfigurazione, uno dei suoi tanti miracoli. Assistette anche alla morte di Gesù, accompagnandolo fino alla fine. Dopo la morte di cristo divenne la figura di riferimento della comunità cristiana di Gerusalemme. Qualche anno dopo si recò in Spagna per diffondere la parola del Vangelo. Fu negli anni Quaranta del primo secolo che il re Erode Agrippa lo fece arrestare e lo condannò alla decapitazione. San Giacomo morì a Gerusalemme nel 44. I suoi fedeli tuttavia riuscirono a trafugare le sue spoglie e a portare la salma in Galizia. Nelle vicinanze della sua tomba nell'anno 830 si assistette ad un fenomeno luminoso. Dopo questo episodio il luogo fu chiamato campus stellae (campo della stella), ed essendovi sepolto san Giacomo (Sant Jacob) ne è derivato il nome Santiago di Compostela, tutt'oggi destinazione di numerosi fedeli in pellegrinaggio. Il cammino di Santiago è uno dei tre percorsi religiosi più importanti insieme a quello verso la tomba di Gesù a Gerusalemme e a quello verso la tomba di San Pietro a Roma. I suoi emblemi di riferimento sono il cappello da pellegrino, la conchiglia e lo stendardo. 

La Chiesa cattolica ha dedicato alla sua memoria il giorno 25 luglio, durante il quale si festeggia in molte località. Infatti san Giacomo è patrono di numerose città italiane, ma soprattutto è il santo patrono di tutta la Spagna. Una festa molto particolare a lui dedicata è quella del paesino di Pollena Trocchia, in provincia di Napoli. La leggenda narra che la sua statua riuscì a fermare la lava del vesuvio che avrebbe distrutto la città. Dopo quell'episodio San Giacomo è diventato il patrono di Pollena Trocchia. Alle celebrazioni liturgiche si sommano sagre e feste enogastronomiche molto divertenti e interessanti. 

Come detto in precedenza Pollena Trocchia è un piccolo comune della Campania, compreso nell'area metropolitana della città di Napoli. Annovera all'incirca 13mila abitanti ed è compreso nell'area del Parco Nazionale del Vesuvio. In origine Pollena e Trocchia erano due comuni separati, unitisi in seguito all'età napoleonica. Il paese presenta notevoli influenze del periodo etrusco soprattutto nell'edilizia. Il nome Pollena deriva dal dio Apollo, difatti nelle vicinanze del paese c'era un tempio greco molto importante a lui dedicato. Trocchia invece ha avuto origine dalla parola torchio. Il motivo è presto detto: Trocla era famosa per produrre svariate primizie agricole, in particolare l'uva, che appunto veniva spremuta con il torchio. 

Oltre a san Giacomo apostolo sono molti altri i santi che vengono ricordati il 25 luglio. Fra questi troviamo San Cristoforo martire, secondo la tradizione morto attorno al 250 in Licia per ordine dell'imperatore romano Decio. Un altro martire cristiano, venerato come santo dalla Chiesa cattolica, è San Cucufato. Morì decapitato attorno all'anno 305 secondo le disposizioni del prefetto Rufino. Infine, il 25 luglio si ricorda Santa Maria del Monte Carmelo (anche conosciuta con il nome Carmen Sallés y Barangueras).

© Riproduzione Riservata.