BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TONY DRAGO / News: il caso riapre, otto possibili indagati. Sono tutti militari (oggi, 26 luglio 2016)

Pubblicazione:martedì 26 luglio 2016 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 27 luglio 2016, 11.42

Tony Drago Tony Drago

CLICCA QUI PER LEGGERE GLI AGGIORNAMENTI SU TONY DRAGO DEL 27 LUGLIO 2016

 

TONY DRAGO, NEWS: IL CASO RIAPRE, OTTO POSSIBILI INDAGATI. SONO TUTTI MILITARI (OGGI, 26 LUGLIO 2016) - Due anni dopo la morte di Tony Drago sembrerebbe essere arrivata la svolta nel caso. Il militare di Siracusa era stato ritrovato senza vita nel cortile della caserma Sabatini di Roma, ma è stata la denuncia che la famiglia ha presentato il 16 giugno scorso a far avviare adesso le indagini su otto persone, su un totale di dieci indicate. A MeridioNews, la famiglia Drago si è dichiarata soddisfatta, soprattutto perché temevano che la loro denuncia avrebbe avuto una risposta solo fra molti mesi. "Noi speriamo di arrivare alla verità", riferiscono, "quella vera". In base alla dichiarazione del difensore Dario Riccioli, riporta Cronaca e Dossier, le otto persone sono tutti militari che "rivestivano una posizione di garanzia volta a evitare l'evento che, in concreto, è avvenuto". Figure importanti quindi, per i quali il pm Alberto Galanti ha ipotizzato i reati di concorso colposo nell'omicidio doloro commesso da ignoti o concorso in istigazione al suicidio. Nelle prossime settimane verrà avviata una nuova perizia medico-legale, tema su cui dovrà esprimersi il giudice Angela Gerardi. La famiglia di Tony Drago è infatti convinta che la prima perizia, effettuata dal dottor Massimo Senati, non sarebbe completa e mencherebbero per esempio i segni sulla schiena e sul collo della vittima. Alla lettera-denuncia della famiglia si è aggiunta anche la dichiarazione di un amico di Tony Drago che ha riferito di una confidenza fatta dal militare circa ad un'aggressione subita in caserma. Versione forse confermata dalla testimonianza della madre della vittima, che ricorda di aver visto il figlio il 3 luglio irrigidirsi quando un amico lo ha toccato sulla spalla per salutarlo. "Probabilmente perché ha sentito dolore", riferisce, "le persone che eano con lui quella sera, inoltre, notano degli strani graffi al collo". Quell'episodio avviene inoltre tre giorni prima della morte e sempre l'amico di Tony Drago ha riferito che il militare era intenzionato a denunciare l'aggressione. Qualcuno ha voluto evitare che parlasse? 



© Riproduzione Riservata.