BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ROMOLO EPICOCO / La spiaggia del mistero: l’anziano ex militare trovato morto in Puglia (Speciale Chi l’ha visto?, oggi 27 luglio 2016)

Romolo Epicoco, il caso dell'anziano militare trovato morto in spiaggia: Speciale Chi l'Ha visto?, il servizio sulla "spiaggia del mistero". Il caso archiviato, le indagini e i dubbi

Chi l'ha visto? (Foto: LaPresse) Chi l'ha visto? (Foto: LaPresse)

Allo Speciale Chi l’ha visto? si ritorna sul caso di Romolo Epicoco, l’ex militare trovato morto lo scorso 12 aprile 2014 sulla spiaggia di San Foca presso il lido “Le Fontanelle” in Puglia: un caso intricato, di fatto archiviato dalla procura pugliese, ma mai del tutto accettato dalla famiglia che ancora si chiede cosa ci facesse il loro famigliare quella mattina sulla spiaggia senza vita. “La spiaggia del mistero” si intitola così il servizio di Paolo Zagari per la trasmissione di Rai 3, questa sera ore 21.10: la storia proposta è quella di Romolo, 79 anni, in congedo dalla Marina Militare, che un giorno nell’aprile 2014 è uscito di casa ed è sparito. Sul caso ovviamente già allora si era proiettata la trasmissione di Federica Sciarelli, per poi scoprire che il giorno dopo il corpo di Romolo Epicoco venne trovato in una spiaggia a vari chilometri da casa. I passanti trovarono il corpo senza vita coperto dalle alghe ma il caso non venne mai risolto. Le telecamere sbarcarono a Cavallino per provare a cercare altre prove dopo che il pubblico ministero ha archiviato nel 2016 il caso dopo aver inizialmente ipotizzato il reato di istigazione al suicidio a carico di ignoti. I famigliari dell’anziano chiesero alla Procura la riapertura delle indagini ma così non avvenne: morì per asfissia da intasamento per via orale delle alghe, un mistero nel mistero. “La morte di Romolo Epicoco resta avvolta nel mistero e nell’omertà di chi lo avrebbe accompagnato a San Foca e perché. Questa storia non può chiudersi con un silenzio che nuoce sempre di più al sistema Giustizia”, ha dichiarato l'avvocato della famiglia Epicoco De Mitri al sito LeccePrima.

© Riproduzione Riservata.