BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTI NAZARIO E CELSO/ Santo del giorno, il 28 luglio si celebra san Nazario e san Celso

Pubblicazione:

Immagine presa dal web  Immagine presa dal web

SANTI NAZARIO E CELSO, SANTO DEL GIORNO: IL 28 LUGLIO SI CELEBRANO I SANTI NAZARIO E CELSO - San Nazario e san Celso vengono festeggiati il 28 luglio e sono accomunati dal fatto che entrambi subirono il martirio a causa della loro fede nell'anno 76 d.C. L'agiografia colloca san Nazario e san Celso a Milano dove i due santi si convertirono ed evangelizzarono sia nel capoluogo lombardo sia nel resto dell'Italia settentrionale. San Nazario proveniva da una famiglia ebrea ed era un legionario romano. Fu battezzato da Lino che sarebbe in seguito divenuto papa e per sfuggire alle crudeli persecuzioni organizzate dagli imperatori contro i cristiani, lasciò Roma per recarsi in Lombardia probabilmente su suggerimento dello stesso Lino. Iniziò poi l'evangelizzazione delle Gallie dove una matrona gli affidò il piccolo san Celso di appena nove anni. San Celso fu subito battezzato e insieme viaggiarono in Francia arrivando a Treviri. La loro opera di evangelizzazione fu immensa ma ad un certo punto non poterono più propugnare la loro fede per via delle persecuzioni in seguito alle quali vennero arrestati. San Nazario, essendo un cittadino romano, non fu sottoposto a tortura e venne mandato a Roma per subire il processo mentre san Celso subì diversi tormenti che non riuscirono a convincerlo a sacrificare agli dei romani. La condanna a morte per annegamento stava per essere portata a termine se non fosse stato per un intervento divino. Vennero portati al largo su una barca per essere gettati in mare e morire per annegamento. Non appena l'ordine venne eseguito, un improvviso e tremendo nubifragio si scatenò e i due si salvarono camminando sulle acque. Pare anche che i marinai terrorizzati, avrebbero chiesto aiuto a san Nazario che riuscì a placare il nubifragio. I due proseguirono verso Genova dove, animati dalla loro fede incrollabile, continuarono la loro opera di conversione in tutta la Liguria. Purtroppo, però, furono di nuovo imprigionati e sottoposti a tormenti e alla fine, vedendo che ogni tentativo di convincerli ad abiurare la loro fede risultava inutile, furono condannati alla decapitazione che venne eseguita nel 76 d.C. Un paio di decenni più tardi, nel luogo dove i santi martiri erano approdati, fu eretto un tempio a imperitura memoria delle loro gesta. Nel 395 i loro corpi vennero ritrovati dal Vescovo Ambrogio. 

SANTI NAZARIO E CELSO SANTO DEL GIORNO: PATRONI DI MENDATICA - San Nazario e san Celso vengono venerati il 28 luglio e una delle città dove il loro culto è particolarmente radicato è Mendatica in provincia di Imperia. Situato alle pendici del monte Fronté, il paese di Mendatica si estende in lunghezza e in inverno la sua posizione non gli consente di essere baciato dal sole se non nel pomeriggio. I luoghi di interesse naturale sono soprattutto le cascate dell'Arroscia alte circa 30 metri. Il monumento più rappresentativo è invece la chiesa dedicata ai martiri san Nazario e san Celso

SANTI NAZARIO E CELSO SANTO DEL GIORNO: FESTE A LORO DEDICATE - Ogni anno a Mendatica si festeggiano i santi patroni con una serie di iniziative dedicate alla loro vita e in memoria dei fatti miracolosi che accompagnano la loro storia. Concerti musicali e corali e sacre rappresentazioni vengono eseguiti nei giorni precedenti la festa mentre le celebrazioni religiose si svolgono in chiesa con messe solenni e cresime. Accompagnamento bandistico e rinfresco sono previsti a chiusura dei festeggiamenti in tarda serata.

< br/>
© Riproduzione Riservata.