BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

Santa Marta / Santo del giorno, il 29 luglio si celebra la protettrice delle casalinghe

Santa Marta, è la santa che si celebra oggi, venerdì 29 luglio. E' considerata la la protettrice di massaie e casalinghe e e simboleggia anche l'operosità femminile. La sua storia

Immagine presa dal webImmagine presa dal web

Si celebra oggi 29 luglio Santa Marta. Per la Chiesa Cattolica si tratta della protettrice delle casalinghe, domestiche, albergatori, asti, cuochi e anche cognate. Marta è la sorella di Maria e di Lazzaro di Betania: durante la sua predicazione in Giudea Gesù fu ospite nella loro casa e conobbe Marta. Il Vangelo presenta Santa Marta come la donna di casa, sollecita e indaffarata per accogliere l'ospite, mentre la sorella Maria preferisce starsene in ascolto delle parole del Maestro. Come ricorda Santiebeati.it, Marta rimprovera la sorella Maria: "Signore, non t'importa che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti". E Gesù risponde: "Marta, Marta, tu t'inquieti e ti affanni per molte cose; una sola è necessaria: Maria invece ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta". Non di tratta però di un rimprovero del Signore, come commenta S. Agostino: "Marta, tu non hai scelto il male; Maria ha però scelto meglio di te". La lezione del Maestro a Santa Marta non riguardava dunque la sua laboriosità ma l'eccesso di affanno per le cose materiali a scapito della vita interiore.

Il 29 luglio la Chiesa cattolica celebra santa Marta di Betania. Santa Marta appare nel Vangelo ed è identificata con la sorella di Lazzaro, l'amico che Gesù resuscitò, e di Maria che è stata spesso confusa successivamente con Maria di Magdala. I testi sacri raccontano che spesso Gesù in Giudea amasse soggiornare a casa di Lazzaro. Durante una di queste visite del Cristo mentre troviamo santa Marta intenta a pulire la casa e a preparare il pranzo per il Signore, Maria resta seduta ad ascoltare rapita le parole del Maestro. Al rimprovero che santa Marta rivolge alla sorella, Gesù risponde dicendo che santa Marta aveva scelto bene ma che Maria aveva scelto meglio. 

Questa testimonianza ha fatto in modo che santa Marta diventasse la protettrice di massaie e casalinghe: infatti da sempre santa Marta è celebrata come una specie di angelo del focolare e simboleggia anche l'operosità femminile. Inoltre questo episodio ha fatto sì che venisse considerata simbolo della vita attiva, in contrapposizione alla sorella Maria che é, anche per Sant'Agostino, simbolo della vita contemplativa e in quanto tale più importante. La santità di santa Marta non è mai stata messa in discussione da nessuno, a partire soprattutto da quell'atto di fede incommensurabile che ella compie nei confronti del Signore chiedendogli di resuscitare il fratello Lazzaro. La tradizione vuole che, dopo il martirio e la resurrezione del Cristo, santa Marta si sia recata in Britannia e abbia contribuito ad evangelizzare il Paese. 

Ma quali sono le feste e le sagre più importanti dedicate alla santa in Italia? Una delle feste sicuramente più importanti e sentite dedicate alla santa, è quella che si tiene annualmente dal 29 luglio agli inizi di agosto a Marta nel viterbese. La città, infatti, prende appunto il nome da questa santa che ne è anche la Patrona. Anche a Venezia in Campo dei Sechi si tiene tradizionalmente una festa dedicata alla santa, a partire dagli inizi di agosto. Infine a Ponsa si organizza una sagra all'insegna della migliore tradizione popolare, con cibo, musica, danze, fuochi d'artificio e tanto divertimento. Se ti trovi allora nei pressi di una di queste zone perché non andare a una delle feste dedicate a questa santa, da sempre celebrata e osannata dalla Chiesa cattolica. 

Oltre a santa Marta la Chiesa celebra nello stesso giorno del 29 luglio altre importantissime figure di santi e beati. Tra tutti ricordiamo San Lazzaro e Santa Maria di Betania, San Berio, San Callinico, San Felice, San Giovanni Battista, Santa Lucilla, Santa Flora e i loro compagni di martirio. Tra i beati si commemorano Carlo Nicola Ancel martire e Papa Urbano II.

© Riproduzione Riservata.