BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTA ELISABETTA/ Santo del giorno, il 4 luglio si celebra santa Elisabetta

Santa Elisabetta, è la santa che viene celebrata nella giornata di oggi, lunedì 4 luglio, dalla chiesa cattolica. Nasce ad Aragona nel 1271, da Pietro III d'Aragona e da Costanza 

Immagine presa dal web Immagine presa dal web

Nacque ad Aragona (in Spagna) nel 1271, da Pietro III d'Aragona e da Costanza (nipote dell'imperatore Federico II). Il suo nome di battesimo lo prese dalla zia, Elisabetta d'Ungheria, anch'essa proclamata santa nel 1235. La giovane santa Elisabetta venne data in sposa giovanissima, all'età di 12 anni, a Dionigi (Dionisio il Liberale, fondatore delle celebre università di Coimbra e dell'ordine del Cristo), re del Portogallo. Il suo matrimonio fu travagliato e pieno di difficoltà, tradimenti, ma santa Elisabetta seppe dare grande prova di cristianità che la portò alla santità. Riuscì a svolgere una grande opera di mediazione familiare e di diplomazia, essendo anche consigliera del marito, soprattutto in seguito alle tensioni che si crearono tra Aragona, Portogallo e Spagna. Per rendere il suo spirito sempre pronto alla contemplazione, santa Elisabetta digiunava abitualmente per tre giorni a settimana, durante tutta la quaresima e durante tutto il periodo della festa di San Giovanni Battista all'Assunta. Nei venerdì e i sabati che precedevano le feste della SS. Vergine si cibava solo di pane e acqua. Queste abitudini le mantenne nonostante i medici le avessero suggerito di interrompere, per ragioni di precaria salute, questi prolungati e ferrei digiuni. Alla morte del marito donò tutti i beni in suo possesso ai poveri e ai monasteri, diventando terziaria francescana. Venne canonizzata da Papa Urbano VIII, nell'anno 1625. 

Una ormai celebre ricorrenza è la festa di santa Elisabetta celebrata a Como (nella parrocchia di San Giuseppe) in cui ogni anno, nel mese di novembre, vengono dedicate delle omelie alla santa. Dopo le celebrazioni rituali, si distribuisce il pane benedetto, in ricordo del miracolo delle rose operato da santa Elisabetta. Queste celebrazioni si collocano nell'ambito delle iniziative volta a far conoscere la Fraternità Francescana Secolare. In Sicilia, precisamente nella provincia di Agrigento, un comune porta il nome della santa, di cui è anche la patrona. Santa Elisabetta è sempre stata attenta alle necessità dei bisognosi, ha costantemente finanziato la costruzione di chiese, monasteri e ospedali, seguendone attivamente l'opera di realizzazione. 

Nella giornata del 4 luglio, tra memoria facoltativa (come nel caso di santa Elisabetta) e memoria ricorrente, ci sono: Sant'Alberto Quadrelli da Rivolta (Vescovo), Sant'Andrea di Creta (Vescovo), San Cesidio Giacomantonio, San Carileffo di Anille (Abate), Sant'Antonio Daniel (sacerdote), Santa Berta di Blangy (Badessa), Sant'Elia I (Patriarca di Gerusalemme), San Giocondiano (martire), San Luriano (martire), Santa Natalia di Tolosa (vergine mercedaria), Sant'Ulrico (Vescovo), San Luarsab (re di Karthli - martire), San Fiorenzo di Cahors (Vescovo).

© Riproduzione Riservata.