BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTA MARIA GORETTI/ Santo del giorno, il 6 luglio si celebra la “santa bambina”

Pubblicazione:

Immagine presa dal web  Immagine presa dal web

SANTA MARIA GORETTI, SANTO DEL GIORNO: IL 6 LUGLIO SI CELEBRA SANTA MARIA GORETTI - E' ricordata come la "santa bambina". Santa Maria Goretti è celebrata il 6 di luglio. Santa Maria Goretti nacque il 16 ottobre del 1890 a Corinaldo (Ancona). La famiglia Goretti si trasferì con Maria di soli 6 anni nel frusinate, a Colle Gianturco, per lavorare dell'azienda del senatore Scelsi. Qui condivisero casa e fatiche con il signor Serenelli e suo figlio Alessandro. Ma una lite tra il signor Serenelli e il figlio del senatore Scelsi, sfociò nel licenziamento dei Serenelli e dei loro soci, i Goretti. Tutti si trasferirono così nel 1899 a La Ferriere di Concanelle, nelle Paludi Pontine, per lavorare presso "Cascina Antica" per il conte Mazzoleni. Il clima favorevole e il terreno fertile portarono un buon raccolto, ma la tragedia incombeva in casa Goretti: il padre di santa Maria si ammalò gravemente e spirò nel 1900, lasciando la famiglia sulle spalle della mamma Assunta e della stessa santa Maria. Mentre la mamma lavorava nei campi, lei si occupava dei fratellini, delle sorelline e della casa. Santa Maria Goretti si dimostrò sin da subito una bambina buona, pura ed ubbidiente, grazie all'educazione impartitagli dai genitori che crebbero i loro figli nel timore di Dio.
Nel 1900 santa Maria manifestò alla madre di voler fare la comunione, nonostante non avesse ancora l'età giusta e nemmeno l'istruzione e i mezzi adatti. Ma ella si impegnò imparando la catechesi con grande impegno e tanto era l'amore per il Signore e la Madonna. Così il 16 giugno santa Maria ricevette la sua prima comunione nella chiesa di Conca, pronunciando la frase "Gesù, piuttosto che offenderti mi faccio ammazzare". Ma il pericolo cresceva attorno alla piccola santa Maria: Alessandro Serenelli, che crebbe con i Goretti, aveva maturato nei confronti della piccola bambina una passione che già sfociò in un primo tentativo: Maria in quel frangente si rifiutò e il giovane gli intimò di tacere. E santa Maria così fece, vivendo la tragedia sulla sua pelle ma in silenzio. Ma Alessandro perseverò nel suo intento. Attentò ancora alla purezza di santa Maria, mentre la piccola rammendava accanto alla sorellina Teresa. Ma alll'ennesimo rifiuto, il giovane, che si era ripromesso di uccidere Maria se lei non si fosse concessa, la colpì ripetutamente con un punteruolo, con santa Maria gemente che ripeteva "no, no, Dio non vuole, così vai all'inferno".
La profezia di santa Maria di preferire la morte piuttosto che cedere al peccato si avverò. Santa Maria fu portata in ospedale, dove si racconta ebbe la visione celeste della Madonna e in punto di morte perdonò più volte il suo aggressore. Pronunciando le ultime parole per la sua cara famiglia, spirò il 6 luglio 1902. 

SANTA MARIA GORETTI SANTO DEL GIORNO: FESTE A LEI DEDICATE - Santa Maria Goretti viene festeggiata a Crispiano, nel tarantino, con celebrazioni eucaristiche, processione per le vie cittadine e fuochi pirotecnici; a Nettuno, dove è possibile una visita alla casa del martirio; a Tuglie, nel leccese; a Corinaldo paese natio della santa bambina; a Latina, con la celebrazione della patrona santa Maria Goretti

SANTA MARIA GORETTI SANTO DEL GIORNO: PATRONA DELLA CITTA' DI LATINA - Immersa nell'Agro Pontino, tra il mare e i Monti Lepini, nel "Parco Nazionale del Circeo", sorge Latina: una città sorta in pieno periodo fascista nel 1932. Le tracce del periodo storico che l'ha vista nascere sono evidenti in città. In Piazza del Popolo, col suo giardino all'italiana del 1932, si trova l'imponente Palazzo del Municipio con una torre dell'orologio voluta per imitare gli antichi palazzi medioevali: all'interno si trova un giardino e la statua bronzea di Dafne ad opera di E. Mayo.
Altre note piazze cittadine sono Piazza della Libertà, dove sorge il Palazzo del Governo, e Piazza del Quadrato tra statue in tufo e fontana. Gigantesco è Palazzo M: doveva essere affiancato da un foro Mussolini , una palestra e la casa del fascio ma la seconda guerra mondiale bloccò il progetto. 

I SANTI DEL 6 LUGLIO - Il 6 luglio sono celebrati anche san Tranquillino di Roma, san Giusto di Condat, santa Noiala, san Goar, santa Sexburga regina del Kent, san Palladio, san Pietro Wang Zuolong, san Romolo di Fiesole.



© Riproduzione Riservata.