BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ULTIME NOTIZIE / Oggi, ultim'ora: scandalo Alfano, Lega, M5S e Sinistra italiana chiedono le dimissioni del ministro (mercoledì 6 luglio 2016)

Ultime notizie, news di mercoledì 6 luglio 2016. Rientrate ieri le salme delle vittime di Dacca; ieri l'endorsment di Barack Obama a favore di Hilary Clinton. 

Bangladesh (lapresse)Bangladesh (lapresse)

Lega, Movimento cinque stelle e e Sinistra italiana chiedono le dimissioni del ministro degli interni, dopo lo scandalo delle presunte raccomandazioni scoppiato intorno ad Alfano. Salvini ha scritto su facebook: "Ministro Alfano  faccia una cosa giusta: dimissioni. Non per l'assunzione del fratello alle Poste o per quello che avrebbe fatto il padre, ma per la sua totale incapacità di difendere i confini e la nostra sicurezza, i cittadini italiani e le stesse Forze dell'Ordine". Alfano ha già risposto, parlando di uso ricattatorio di vecchie indagini senza alcun valore e dicendo di non volersi dimettere: "Oggi la barbarie illegale arriva a farmi scoprire, dalle intercettazioni tra due segretarie, che un uomo di ottant'anni, il cui fisico è da tempo fiaccato da una malattia neurodegenerativa che non lo rende pienamente autosufficiente, avrebbe fatto 'pressioni' presso le Poste per non so quale fantastiliardo di segnalazioni" ha detto.

Tony Blair ha commentato i risultati dell'inchiesta sulla guerra in Iraq del 2003, le pesantissime accuse a lui rivolte di aver scatenato una guerra senza alcuna documentazione sostenibile che tale guerra fosse necessaria. Per Blair, i risultati "mettono a tacere le accuse di malafede, bugie e falsità". In sostanza, dice l'ex primo ministro inglese, la decisione di andare in guerra "fu presa in buona fede e credendo che fosse nell'interesse del paese". Nessun inganno, ha detto ancora, da parte del suo governo. Ha quindi chiesto di mettersi nei suoi panni quando si è trovato "nelle condizioni di scegliere come proteggere al meglio il suo paese".

Un sondaggio, pubblicato sul Corriere della sera a cura di Nando Pagnoncelli fotografa le ultime situazioni sulle intenzioni di voto, a oltre due mesi dal precedente sempre a cura di Pagnoncelli. Il Movimento cinque stelle è diventato primo partito in Italia con il 30,6% delle preferenze, lasciando il Pd al 29,8%. Il partito di Renzi avrebbe così perso circa un punto percentuale mentre Forza Italia, al 12,2%, risulta in risalita di un punto: la Lega al 12,4% perde lo 0,7: Fratelli d'Italia conquista un + 0,8% salendo al 4,7% e Area Popolare è ferma al 4,4%. L'attuale centrodestra così come si è presentato unito a Milano sarebbe dunque al 29,3%.

Il papa ha incontrato i genitori del ragazzo americano, Beau Solomon, morto in circostanze tragiche annegato nel Tevere. I due sono giunti a Roma per il riconoscimento e le varie procedure legali e si sono recati in Vaticano dove "il Pontefice ha manifestato loro i sentimenti della più viva partecipazione e compassione, e la sua vicinanza nella preghiera al Signore per il giovane così tragicamente scomparso" si legge in un comunicato ufficiale. Come si sa è stata arrestata una persona, Massimo Galioto, un senza casa che vive sulle sponde del fiume che durante un litigio con lo studente lo avrebbe spinto nell'acqua. L'uomo non è indagato invece per la rapina di cui Solomon era stato vittima poco prima: proprio cercando di inseguire i ladri lo studente si è imbattuto nel senzatetto che dopo averlo spinto in acqua se n'è tornato tranquillamente a dormire senza avvisare nessuno di quello che era successo.

E' giunta la sentenza nel secondo processo relativo alla morte di Reeva Steenkamp, la fidanzata dell'atleta Oscar Pistorius, da lui uccisa. L'ex atleta sudafricano è stato condannato a sei anni di carcere. Oscar Pistorius era già stato riconosciuto colpevole nel primo processo e condannato a cinque anni, ma dopo pochi mesi gli era stato concesso l'arresto domiciliare. Adesso difficilmente potrà restare fuori del carcere. L'accusa aveva chiesto 15 anni per omicidio volontario, ma è stata decisa una pena assai minore. A Pistorius resta una ultima possibilità di ricorrere in appello.

Undici persone arrestate a Milano nell'ambito di una nuova inchiesta. Si tratta di indagini relative ad associazione a delinquere semplice con l'aggravante di aver agevolato la mafia. Nel mirino il consorzio Dominus che si era occupato dell'allestimento di diversi padiglioni di Expo ad esempio quello della Francia, del Qatar, l'auditorio e il palazzo dei congressi.  Si parla di una cifra di circa venti milioni di euro, arrestato con l'ipotesi di riciclaggio anche un avvocato di Caltanissetta, Danilo Tipo, ex presidente della camera penale locale. 

Ha toccato il suolo attorno alle 19 l’aereo messo a disposizione dalla presidenza del consiglio, che riportava indietro le vittime degli attentati di Dacca. Ad attendere i feretri, che hanno lasciato il veicolo avvolti nel tricolore, il capo dello Stato Mattarella che si è intrattenuto con i parenti delle vittime, in una saletta riservata. Benedizione delle salme a cura di tre religiosi, tra i quali il fratello di Simona Monti, uccisa durante il raid. A portare il cordoglio del governo il Ministro degli esteri Gentiloni. Sul volo presente anche Gianni Boschetti salvatosi per miracolo all'attentato. Tra le bare quella di sua moglie Claudia.

La squadra mobile di Roma ha arrestato ieri un italiano di 40 anni con l’accusa di essere l’assassino di Beau Solomon, lo studente americano di 19 anni ripescato lunedì nel Tevere. Massimo Galioto è un barbone senza fissa dimora e potrebbe essere stato lui a spingere il giovane studente nelle acque. Galioto è stato tradotto nel carcere di Regina Coeli con l’accusa di "omicidio volontario aggravato da futili motivi". Durante la conferenza stampa in seguito all’arresto, chiarito anche il mistero della carta di credito di Solomon: il ragazzo era stato precedentemente derubato, presumibilmente da due uomini di nazionalità africana, e solo dopo il furto avrebbe incontrato Galioto. Le indagini continuano, soprattutto per appurare se quando il ragazzo è caduto nelle acque del fiume fosse ancora in vita.

Ieri è arrivata l’attesa sentenza "sull’affare Mailgate", un affare che teneva lo staff della candidata Presidente sul filo del rasoio. L’FBI ha deciso di non andare avanti in quella che sembra essere stata una vicenda gestita con "estrema negligenza" dall’ex segretario di stato. I sospetti erano che la Clinton avesse inviato tramite l'account di posta elettronica, e soprattutto tramite server definiti "non sicuri", informazioni classificate. Caustico il commento dell’altro candidato, Donald Trump, che si scaglia contro il sistema americano, colpevole a sua detta di volersi "auto proteggere" difendendo la Clinton. Di ieri sera "l’endorsement" del presidente Obama, che si è schiarato con l’ex first lady e che di fatto darà via ufficialmente alla campagna elettorali per le presidenziali.

Lasciata la quota psicologica dei 16.000 punti, i listini di piazza affari non sembrano fermarsi. Anche ieri sotto pressione il sistema bancario, con il titolo della Monte dei Paschi di Siena, sospeso più volte, e che alla fine lascia sul terreno un altro 20 %. Sulla borsa pesano le raccomandazioni della BCE, raccomandazioni che impongono all’istituto senese di far fuoriuscire dai suoi bilanci oltre 10 miliardi di euro di "crediti" definiti "inesigibili". Il comparto delle banche sconta inoltre l’attesa per i risultati dello "stress test", test voluto dalle banche centrali per verificare la solidità di tutto il comparto, e i cui esiti saranno comunicati alla fine del mese. In campo europeo sembra riprendere fiato la City di Londra che ieri ha archiviato, unica in tutta Europa, una seduta con il segno verde. Ancora sotto pressione la sterlina, e spread tra Bund tedeschi e titoli di stato che risale oltre i 140 punti. 

© Riproduzione Riservata.