BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTI AQUILA E PRISCA/ Santo del giorno, l’8 luglio si celebrano i santi Aquila e Prisca

Pubblicazione:

Immagine presa dal web  Immagine presa dal web

SANTI AQUILA E PRISCA, SANTO DEL GIORNO:L’8 LUGLIO SI CELEBRANO I SANTI AQUILA E PRISCA - Venerdì otto luglio 2016, la Chiesa Cattolica venera i santi Aquila e Prisca o Priscilla, una coppia di coniugi missionari collaboratori di S. Paolo prima a Corinto poi a Efeso e quindi a Roma. Dei santi Aquila e Priscilla non si hanno notizie certe sulla data della loro nascita. Il nome Aquila aveva origine latina evenne grecizzato in Akylas. Risulterebbe, da fonti agiografiche, che sant’Aquila era giudeo e che provenisse da Ponto, una regione appartenente all'attuale Turchia. Non avendo fonti certe, si presume che sant’Aquila abbia lasciato la sua città natale per raggiungere Roma dove conobbe santa Prisca che poi sposò. santa Prisca, nome di origine latina, aveva forse origini romane anche se restano dubbi sulle sue eventuali origini ebraiche. Dubbi anche sia sulla data che sul luogo del loro decesso che, probabilmente, avvenne nella città di Efeso, come indicato nel Martirologico Romano, per morte naturale. Tuttavia, altre fonti agiografiche sostengono che i due coniugi santi siano morti a Roma, tesi rafforzata dalle reliquie di sant’Aquila ritrovare e custodite nella capitale. Sant’Aquila e santa Priscilla, dopo essersi convertiti al Cristianesimo dal giudaismo ed essere stati scacciati, in quanto giudei, da Roma dell'Imperatore Claudio, si rifugiano a Corinto dove svolsero l'attività artigianale di fabbricatori di tende. Dopo aver ospitato nella loro casa l'apostolo Paolo di Tacco, i due coniugi collaborarono con lui alla divulgazione del Vangelo e alla fondazione della Chiesa di Corinto. Successivamente, sant’Aquila e santa Prisca seguirono San Paolo in Siria fino a Efeso, intorno all'anno 54, dove misero a disposizione la loro casa per permettere incontri religiosi. San Paolo, secondo rinomate fonti storiche, rimase nella loro dimora per circa tre anni. L'apostolo Paolo di Tacco elogiò più volte l'operato di sant’Aquila e santa Priscilla ed, in una delle lettere ai Romani, li ringraziò di non avere esitato a mettere in pericolo la loro vita per salvaguardare la sua. La stima, l'affetto, la gratitudine e il comune amore per la religione cristiana, rafforzò la loro amicizia. Sant’Aquila e santa Priscilla al seguito di San Paolo giunsero quindi a Roma nell'anno 57. Qui continuarono la divulgazione della nuova dottrina cristiana. I coniugi, dopo che San Paolo venne fatto prigioniero e, probabilmente, anche a causa delle persecuzione messe in atto da Nerone, ritornano ad Efeso, dove continuarono l'opera dell'apostolo. San Paolo, nelle sua ultima lettera inviata al discepolo Timoteo, vescovo di Efeso, gli fece specifica richiesta di salutare sant’Aquila e santa Prisca
Nel Sinassario Costantinopolitano, sant’Aquila e santa Prisca sono denominati santi e martiri, tuttavia non ci sono prove certe per confermare il loro martirio anche se nella città eterna si trovano le Catacombe di santa Priscilla, una delle più antiche tombe. I santi Aquila e Prisca sono protettori sia dei fabbricanti di tende che degli architetti. Sono patroni della città di Roma. 

SANTI AQUILA E PRISCA SANTO DEL GIORNO: FESTE A LORO DEDICATE - In onore dei santi Aquila e Prisca vengono organizzate festeggiamenti in molte chiese ubicate sul territorio italiano. Tra queste, la Chiesa dei santi Priscilla e Prisca nel quartiere Portuense di Roma che, nella giornata dell'8 luglio, organizza incontri per le famiglie con preghiere e riflessioni finalizzate a rafforzare l'unione familiare ed il matrimonio secondo l'esempio dei coniugi santi che seppero dedicarsi alla famiglia e, al tempo stesso, diffondere la fede cristiana, sviluppare le amicizie e gli affetti sempre in comune accordo seguendo un cammino di fede condiviso. Presso la Parrocchia Sacro Cuore di Caltanissetta è attivo un gruppo denominato Aquila & Priscilla che si occupa di far conoscere a tutti i coniugi i principi religiosi e familiari dei santi Aquila e Priscilla che hanno reso solida la loro unione, di curare la formazione spirituale, di aiutare a superare le difficoltà di coppia e di incrementare l'amore coniugali. 

SANTI AQUILA E PRISCA SANTO DEL GIORNO: PATRONI DELLA CITTA' DI ROMA - La città di Roma , di cui sono patroni, rappresenta una delle città storiche, architettoniche, culturali e religiose più conosciute in tutto il mondo. Capitale della Repubblica Italiana e sede del Papato della Chiesa Cattolica. Si estende in una conca e su alture di altezza moderata, tra le quali scorre il fiume Tevere. Famosi i suoi sette colli da cui si domina un tratto angusto nella valle del fiume. Nella città si trovano monumenti imperiali, cristiani, rinascimentali, costruzioni in stile barocco e moderno, tutte opere d'arte ricche di fascino e di storia. 

I SANTI E I BEATI DELL’8 LUGLIO - Durante la giornata dell'8 luglio, sono venerati altri santi tra cui Sant'Adriano III, papa; Sant'Auspicio di Todi, vescovo; Beato Eugenio III, papa; Santa Landrada, badessa di Bilsen; Beato Pietro Vigne, sacerdote e San Procopio di Cesarea di Palestina, martire.



© Riproduzione Riservata.