BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TRIFONE E TERESA / News Giosuè Ruotolo: il giallo dell’unico sms non cancellato da Rosaria Patrone (Oggi, 20 agosto 2016)

Pubblicazione:

Trifone e Teresa  Trifone e Teresa

TRIFONE E TERESA, NEWS GIOSUÈ RUOTOLO: I DUBBI DELLA MADRE DI RAGONE SUL MESSAGGIO NON CANCELLATO DA ROSARIA PATRONE (ULTIME NOTIZIE, OGGI 20 AGOSTO 2016) - Il giallo sul duplice delitto di Trifone Ragone e della fidanzata Teresa Costanza, avvenuto il 17 marzo 2015 nel parcheggio del Palasport di Pordenone continua a far parlare di sé. In attesa del 10 ottobre prossimo, quando inizierà il processo a carico di Giosuè Ruotolo, in carcere a Belluno con l'accusa di aver ucciso l'ex coinquilino e commilitone e la sua fidanzata ritenuta una scomoda testimone, il caso sarà affrontato questa sera nel corso del programma di Remo Croci, "Il giallo della settimana", dalle ore 22:00 su Tgcom24. La trasmissione si concentrerà proprio sul movente dietro il quale si celerebbe il delitto di Trifone e Teresa ad opera di Ruotolo e vedrà l'intervento della madre del militare pugliese rimasto vittima. La stessa donna, Eleonora Ferrante, da mesi si batte insieme al marito Francesco affinché venga finalmente fatta giustizia sulla morte terribile del figlio e della sua fidanzata Teresa. Di recente, la madre di Trifone è intervenuta sulle pagine del settimanale Giallo per commentare le ultime novità nel caso e che hanno visto la richiesta di patteggiamento avanzata dalla ex fidanzata di Ruotolo, Rosaria Patrone, indagata a piede libero per favoreggiamento. A detta della donna, Rosaria avrebbe mentito su un aspetto saliente dell’intera inchiesta e che andrebbe a costituire parte del movente del delitto di Trifone e Teresa. “Quando gli inquirenti hanno scoperto l’esistenza dei messaggi che Giosuè indirizzava sotto falso nome a Teresa, con il chiaro intento di rovinare la relazione con mio figlio, Rosaria avrebbe dovuto riferire ai carabinieri quanto era a sua conoscenza”, ha commentato la madre del militare 28enne. La Patrone, oltre a non fare ciò, convinse le amiche a non riferire agli inquirenti questa circostanza, divenuta oggetto delle loro confidenze. “Ha avuto un comportamento strano, ma spero che ora abbia trovato il coraggio di dire tutta la verità”, è stato l’auspicio della madre di Trifone. La donna, tuttavia, è convinta del coinvolgimento della ragazza nel delitto. Ad alimentare questa sua ipotesi sarebbe la presenza sul suo cellulare dell’unico sms volutamente non cancellato. Si fa riferimento all’ultimo messaggio inviato a Giosuè Ruotolo dopo l’omicidio di Trifone e Teresa nel quale chiedeva al ragazzo se avesse fatto qualcosa che non le aveva detto. “Non eliminare proprio quel messaggio non è stato casuale: secondo me voleva lasciare una traccia indelebile della sua estraneità al delitto. Un modo per chiamarsi fuori dal brutale assassinio e far ricadere tutta la colpa sull’ex fidanzato”, ha commentato la madre del giovane rimasto vittima del terribile delitto.



© Riproduzione Riservata.