BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

TU SEI UN BENE PER ME/ Bertinotti: alla fine ci tocca sempre fare i conti col Mistero

Fausto Bertinotti (LaPresse)Fausto Bertinotti (LaPresse)

Il totalitarismo moderno fa l'uomo inutile? Attenzione, il totalitarismo ci propone un uomo, più che inutile, alienato, deprivato. In-utile lo sarebbe se fosse lasciato libero di galleggiare in relazione con l'altro senza che sia impellente la questione del potere. L'inutilità in qualche modo trascura il processo di spoliazione e sfruttamento che una determinata formazione economica e sociale produce. Omette il capitalismo finanziario globale e il suo specifico processo di annichilimento della democrazia e di ambizione a creare l'uomo di questo capitalismo; il suo farsi religione.

Cosa propone, Bertinotti?
Di integrare la formula di Doninelli con i suggerimenti e le analisi che si ricavano dalla Laudato si'. C'è la catastrofe annunciata e c'è l'appello alla persona umana, che è in grado di capire e di ribellarsi a questo destino. Ma la contromossa passa da un'analisi che smaschera gli interessi materiali.

A un certo punto si dice che "tra me e te c'è qualcosa che non sono io e non sei tu, una sorta di Terzo"; un silenzio, dato dal fatto che tu — e si racconta l'esperienza della malattia e poi della fine di un amico — puoi rispondere alla mie domande, ma mai fino in fondo. "Tra me e te c'è un silenzio, un silenzio denso e duro, duro da accettare e duro da imparare, ma in questo silenzio c'è la radice del bene: io non sono la risposta alle tue domande, tu non sei la risposta alle mie.
Entriamo ne campo del mistero. Questo silenzio è l'altra faccia del mistero della vita. Per questo sono contrario alle ambizioni della politica quando dichiara che il suo obiettivo è la felicità. Come avviene nella costituzione americana, o com'è avvenuto anche nella mia storia, con il comunismo e l'uomo nuovo. Sono peccati di un intero secolo da cui dobbiamo mondarci.

Ma se lo scopo non è la felicità, allora qual è?
L'uguaglianza. L'articolo 3 della costituzione italiana in questo è un capolavoro, non credo si sia saputo andare oltre. Non è un caso che sia il frutto dell'incontro di due grandi culture, quella del movimento operaio e quella cattolica. Compito della repubblica non dare la felicità, ma "rimuovere gli ostacoli" che "impediscono il pieno sviluppo della persona umana". Comunque, è vero. Alla fine tocca sempre a te. Anche farei conti con le domande che Doninelli pone, quelle domande così sovraccariche di senso.

Alla fine Doninelli dice che il tu ci è amico, è un bene-per-me, perché è gratis, perché è un dono. A lei, Bertinotti, cosa dice il titolo del Meeting?