BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PREDICATORI ISLAMICI SORPRESI IN CAMPORELLA / Adulteri colti sul fatto tentano di corrompere gli agenti: “nostro è ‘matrimonio consuetudinario’”

Pubblicazione:

Foto: LaPresse  Foto: LaPresse

PREDICATORI ISLAMICI SORPRESI IN CAMPORELLA, ADULTERI COLTI SUL FATTO TENTANO DI CORROMPERE GLI AGENTI (OGGI, 23 AGOSTO 2016) - Il fatto è di quelli insoliti, se non addirittura assurdo: due famosi predicatori islamici in Marocco sono stati sorpresi “in camporella” come si suol dire, ovvero mentre erano in auto a consumare un rapporto intimo vicino ad una spiaggia di Casablanca. Ma il vero fatto non è forse neanche questo ma quanto hanno tentato di fare in seguito: sorpresi dalla polizia i due vicepresidenti del Mur (associazione religiosa radicale legato al partito del primo ministro marocchino) hanno tentato di corrompere gli agenti con queste parole, riportate dai giornali marocchini: «il nostro è un matrimonio consuetudinario». La corruzione non è andata a buon fine e sono stati denunciati dalla polizia: ma al di là delle questioni giudiziarie e politiche - tra meno di un mese ci sono le elezioni presidenziali e la campagna elettorale è feroce in questi giorni - è la questione che potremmo definire morale a colpire l’attenzione. Due predicatori che hanno fatto dell’anti fornicazione e della totale messa al bando di ogni effusione romantica o amorosa: ecco, beccati, come amanti qualsiasi e che tentano addirittura di negare l’evidenza e corrompere gli agenti di polizia. Insomma, se non ci fossero pretese di insegnare moralità al mondo non ci sarebbero particolari problemi, ognuno sbaglio ed è libero di fare ciò che vuole, ma andare a costruire un’immagine di onestà e trasparenza per non parlare di assoluta “moralità”  fa “sorridere”. Lui mesi fa, ricorda Repubblica, emetteva una fatwa contro lo “scambio di parole d’amore via Facebook”, è sposato e padre di 7 figli; lei, vedova e professore all’università come l’amante, è predicatrice sul web per video “educativi” in cui invitava le sue studentesse a non sedersi al posto dei maschi perché inizio della fornicazione. Bravi, evviva la moralità cari Moulay Omar Benhammad e Fatima Nejjar: siamo sicuri che una condotta moralistica sia l’unica possibile condotta da tenere? E sopratutto, una condotta senza un riferimento ad una persona, un legame affettivo primanche formale, ma solo legata ad una forma, può avere vero futuro? Domande retoriche lo sappiamo, ma di sicuro non moraliste…



© Riproduzione Riservata.