BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Traffico autostrade / Terremoto Centro Italia, viabilità e trasporti: percorribili A24 e A25 (ultime notizie in tempo reale oggi 24 agosto)

Traffico autostrade, bollettino e news viabilità: chiusura uscite su A7, A11, A12. Ultime notizie in aggiornamento tempo reale, oggi 24 agosto 2016

Immagini di repertorio (LaPresse) Immagini di repertorio (LaPresse)

In seguito al terremoto che ha colpito il Centro Italia questa notte ecco qual è la situazione della viabilità nelle regioni devastate dal sisma, Lazio, Umbria e Marche. Strada dei Parchi, l'azienda che ha in concessione l'esercizio dell'autostrada A24 e A25 comunica che le due autostrade sono percorribili regolarmente in tutte le direzioni. Subito dopo le scosse di terremoto che hanno devastato queste zone a partire dalle 3:36 di stanotte, è stato avviato un sopralluogo per valutare le condizioni delle strutture e della rete autostradale: "non sono stati riscontrati danni e l’intero tratto è agibile e percorribile". Nella zona di Bussi è stato disposto un restringimento della carreggiata perché sono tutt’ora in corso accertamenti da parte dei tecnici per verificare lo stato di alcuni giunti che separano i viadotti. Sono stati effettuati alcuni sopralluoghi anche nella zona del Gran Sasso dove sia i viadotti che il traforo non risultano in alcun modo danneggiati.  :  -  -  - -

Inevitabilmente, anche il traffico e la viabilità hanno subito oggi numerosi disagi provocati dal forte terremoto che ha coinvolto le Regioni del Centro Italia. La polizia stradale già da diverse ore è impegnata ad assicurare la viabilità e i collegamenti tra i centri colpiti ed i mezzi di soccorso ed in merito, Regione Lazio e Astral hanno fatto sapere che "dalle 14 il ponte “dello scoiattolo” è percorribile dai soli mezzi di soccorso non superiori a 20 quintali". Per quanto riguarda il Teramano, dove il sisma è stato avvertito senza fortunatamente gravi danni, Anas ha assicurato la regolare percorribilità dell'intera rete stradale, come ribadito anche dalla Provincia. Risulta invece compromessa la viabilità secondaria soprattutto nelle zone maggiormente colpite. Tra le strade attualmente bloccate segnaliamo la statale 685 "delle tre Valli" tra Borgo Cerreto e Serravalle e tra Norcia e Arquata del Tronto, come riferito da Anas, che sottolinea la percorribilità solo per i mezzi di soccorso e dei residenti. Sul versante umbro, il sisma avrebbe provocato danni ad una galleria paramassi. 

Aggiornamento sul traffico autostrade dopo il terremoto che ha colpito il Centro Italia questa notte alle 3:36: il sisma ha provocato distruzioni e decine di morti in Lazio, Umbria e Marche. Per quanto riguarda la viabilità stradale il personale dell'Anas è impegnato nell'assistenza alla circolazione. Tra le province di Perugia e Ascoli Piceno è chiusa la strada statale 685 "delle Tre Valli Umbre" nel tratto compreso da Norcia ad Arquata del Tronto. In Umbria la stessa strada è chiusa tra Serravalle e Borgo Cerreto per i danni riscontrati in una galleria paramassi. Nel tratto tra Norcia e Serravalle il transito è consentito ai mezzi di soccorso e ai residenti. In provincia di Rieti, sulla strada statale 4 "Via Salaria" è vietata la circolazione ai mezzi pesanti. In Abruzzo, la strada statale 260 "Picente" è regolarmente transitabile fino al confine con il Lazio. Per chi deve raggiungere Amatrice sono consigliati questi percorsi alternativi: da SS260 in località Montereale, ex SS471 "Ville di Fano", Borbona, Posta, Bacugno, Torrita, Bivio ex SS260; dalla SS80, in località Porcinaro, ex SS577 lungo il lago di Campotosto, Poggio Cancelli, Amatrice; dalla SS260 località Aringo, strada provinciale per Poggio Cancelli, ex SS577. 

I danni provocati dal terremoto di questa notte a Rieti, Norcia ed Arquata del Tronto hanno reso necessaria la chiusura della strada Serravalle-Borgo Cerreto, chiusa per i danneggiamenti alla galleria. Tra le strade interrotte viene segnalata anche quella tra Pintura di Bolognola e il rifugio del Fargno. Lo sciame sismico è anche la ragione per cui è stato annullato il mercato settimanale di Macerata: il timore è che possano verificarsi crolli di alcuni cornicioni soprastanti le bancarelle. Transennata la chiesa di San Giovanni per il pericolo di crollo di un fregio della facciata. Sono state inoltre chiuse per precauzione le chiese del Sacro Cuore e di Santa Maria della Porta. A tolentino è stato segnalato il crollo della volta dell'ex chiesa della Pace

Nelle Regioni di Lazio, Umbria e Marche dove sono stati registrati i maggiori danni in seguito al terribile terremoto della scorsa notte, non accennano a diminuire i problemi alla viabilità ed al traffico. La Nazione online segnala le ultime novità in merito alle strade statali o di competenza dell'Anas, evidenziando la temporanea interruzione del traffico della SS 685 dal km 38+700 al km 32 (Galleria "Balza Tagliata") in seguito al crollo di alcune pannellature della galleria. Interruzione anche sulla SS 685 dal Km 21 al confine con le Marche in seguito alla segnalazione di danni al viadotto. Interruzione temporanea del traffico anche sulle strade provinciali: ad essere interessata è la SP 477 di Castelluccio dove si sarebbe staccato materiale dalla scarpata. Lo stesso sarebbe avvenuto dal km 2+500 al km 4+850 della SP 476 sub 3 di Norcia provocando danneggiamenti alle barriere paramassi. 

Ancora problemi alla viabilità e al traffico dopo il terremoto che ha devastato stanotte il Centro Italia, nelle regioni di Lazio, Umbria e Marche. Per quanto riguarda la strada Salaria, a causa del parziale danneggiamento subito dal viadotto al km. 141, l'Anas ha chiuso al transito dei mezzi pesanti superiori alle 7,5 tonnellate la statale dal km 98+650 Antrodoco al km 144+958 Amatrice. I veicoli pesanti sono deviati sulla strada statale 17, con proseguimento sulla A/24. Il divieto di transito sulla strada Salaria non riguarda i mezzi di soccorso. Per quanto riguarda le altre situazioni di traffico Autostrade per l'Italia segnala sulla A14 Bologna-Taranto, tra il bivio con la A16 Napoli-Canosa e Cerignola est, verso Pescara, traffico bloccato con 3 km di coda con tendenza all'aumento, a causa di un camper che si è ribaltato occupando l'intera sede stradale all'altezza del km 597, alle ore 14:30. In alternativa chi è diretto verso Pescara, può uscire a Canosa e rientrare sulla A14 a Cerignola est.  

Le fortissime scosse di terremoto che hanno messo in ginocchio il Centro Italia hanno riportato conseguenze anche per quanto riguarda le biabilità nelle zone interessate e cioè quelle di Norcia, Rieti e Arquata del Tronto. Stando a quanto comunicato dalla Provincia di Perugia con due ordinanze, sono state chiuse la provinciale 476 di Norcia e la provinciale 477 di Catelluccio. La SP 476 è stata invece chiusa all'altezza del terzo tratto, dal km 2+500 al km 4+850. La SP 477 è stata invece interrotta nel primo tratto. A rendere necessario il provvedimento il distacco di rocce dalla scarpata di monte: tale evento ha provocato infatti il danneggiamento del tratto di barriere dei paramassi presenti. I tratti rimarranno chiusi fino a quando cesserà la situazione di pericolo.

-Le conseguenze del terremoto che ha colpito il Centro Italia si ripercuotono anche sulla viabilità e sul traffico autostradale. Come riportato da askanews, in questi minuti sono in corso i sopralluoghi della Polizia stradale che stanno verificando le condizioni delle principali arterie di collegamento ai comuni interessati dalle scosse. Al momento le situazioni più problematiche riguardano la A25 al km 145 (Popoli), dove l'asfalto si è sollevato, ma la viabilità rimane comunque percorribile. Sulla SS4 Salaria al km 141+300 in zona Pescara del Tronto un ponte è inagibile, mentre sulla SS 685 Tre Valli Umbre tra S. Anatolia di Narco e Cerreto di Spoleto è crollata la volta di una galleria dal km 32 al km 39. L'appello della Polizia Stradale ai cittadini è quello di non occupare le arterie di collegamento ai comuni colpiti dal terremoto se non per motivi di primaria importanza così da non rallentare i soccorritori che stanno cercando di raggiungere le zone devastate dalle scosse.

Resta difficoltosa la viabilità nelle zone interessante dal terremoto che questa notte ha colpito le zone di Amatrice e Accumuli in provincia di Rieti, di Arquata a e Pescara del Tronto nelle Marche e di Norcia in provincia di Perugia. A Rieti la Salaria in direzione Ascoli è stata riaperta dopo le verifiche effettuate dai vigili del fuoco: la strada era stata chiusa a causa del ponte pericolante che si trova dopo Micigliano, prima delle gallerie. La Protezione Civile ha però chiesto alla popolazione di non mettersi in viaggio su di essa per facilitare i soccorsi. Ancora chiuse invece sulla Salaria le uscite che vanno da Amatrice ad Accumoli. Astral Spa ha comunicato che, in seguito al sisma di questa notte, , le strade regionali a nord del Lazio (le 313 di Passo Corese, 657 Sabina, 577 del Lago di Campotosto, 471 di Leonessa, 4bis del Terminillo, 79 Ternana e 521 di Morro) sono tutte percorribili e agibili e che sono in corso verifiche sulla staticità di ponti e pareti rocciose. Il tratto al chilometro 46 della Regionale Picente è invece interrotto per la rimozione di una strada: il tratto risulta comunque percorribile grazie a una strada di by-pass.

Sull'autostrada A25 Pescara - Roma, a causa del terremoto che ha colpito stanotte il Centro Italia, un viadotto risulta rialzato di circa 4 centimetri all’altezza dello stabilimento della Gran Guizza a Popoli. A comunicare il danno alla struttura è il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso che è intervenuto stamattina alla trasmissione Agorà di Rai 3. L’autostrada è comunque agibile: al momento è segnalato solo un restringimento tra Popoli e Bussi perché è in corso la verifica da parte dei tecnici dei giunti che separano i viadotti. Per quanto riguarda i collegamenti ferroviari nelle regioni che sono state colpite dal terremoto Ferrovie dello Stato comunica che le linee ferroviarie regionali sono attive. Le linee sono state riattivate alle 7.15 di stamattina dopo un'interruzione per le verifiche dei tecnici. Il traffico è stato sempre regolare invece sulla linea dell'Alta Velocità. (clicca qui per vedere il video postato su Facebook da D’Alfonso)

I danni provocati dal terremoto che stanotte ha distrutto Amatrice ne stanno inevitabilmente influenzando la viabilità. La polizia stradale sta aggiornando la situazione in continua evoluzione nelle zone colpite dal territorio. Alcune patuglie si tovano al km 141+300 per verificare se sia necessaria o meno la chiusura del viadotto sulla ss4 al km. 141+300 prima di Accumuli, di competenza del compartimento Lazio. La situazione più grave sotto il profilo viario è quella del comune di Amatrice, come è stato accertato dal personale Anas Abruzzo nel costatare un rilevante cedimento del piano viabile e gravi lesioni a manufatto in corrispondenza del ponte "Dello Scoiattolo" (Km 40 circa) . Percorsi alternativi da S.S. 260 in Abruzzo per Amatrice (RI): Percorso 1) Montereale - Ex S.S. 471 Ville di Fano, Borbona, Posta - S.S. 4 Bacugno, Torrita, bivio ex S.S. 260. Percorso2) da S.S. 80 al km, 29 in loc. Porcinaro ex S.S. 577 lungo il lago di Campotosto, Poggio Cancelli, Amatrice.

Aggiornamento sul traffico autostrade dopo il terremoto che ha colpito il Centro Italia questa notte alle 3:36 tra le province di Perugia e Rieti. L'Anas fa sapere che, a causa del terremoto, la viabilità stradale è interrotta sulla strada statale 685 "delle tre Valli": la strada è chiusa tra Borgo Cerreto e Serravalle e anche tra Norcia e Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno. La chiusura del tratto autostradale si è resa necessaria per problemi legati al sisma. Il tratto compreso fra i due blocchi stradali al momento è aperto solo ai mezzi di soccorso e ai residenti. I tecnici dell'Anas sono sul posto per effettuare le verifiche necessarie dopo il terremoto che ha devastato intere zone del Centro Italia. Secondo quanto riferito dall'Anas, il terremoto ha provocato lesioni ad una galleria paramassi, nel versante umbro, e anche la caduta di massi.

Dopo il terremoto che ha colpito questa notte il centro Italia ecco qual è la situazione sulle autostrade nelle regioni interessate dal sisma. Il Presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso ha pubblicato sulla sua pagina Facebook aggiornamenti sul traffico e la viabilità nella zona. Questo l'ultimo posto pubblicato: "La rete autostradale abruzzese può essere percorsa in tutte le direzioni". Nello specifico sull' autostrada Pescara-Roma all’altezza della gran Guizza di Popoli "si è rilevato uno spostamento di un ‘giunto’ di viadotto di qualche centimetro ed è sotto valutazione del personale di Strada dei Parchi”. Luciano D’Alfonso comunica anche che dopo il terremoto è in corso, come fa sapere la Protezione Civile Regionale un terzo sopralluogo alla Diga di Campotosto che però "non fa rilevare danni o criticità". Per quanto riguarda i collegamenti ferroviari D’Alfonso scrive sempre sul social network: "Rete Ferroviaria Italiana fa sapere che la linea adriatica è in esercizio ma quella di teramo Giulianova è sotto verifica".

Ancora una giornata di traffico e incidenti ieri sulle autostrade. Sull'A4 nel comune di Sona, in provincia di Verona, ieri mattina un pedone è stato investito e ucciso da un tir: si tratta di un 19enne residente a Sommacampagna, sempre in provincia di Verona. In attesa di vedere come sarà la giornata oggi dal punto di vista del traffico, Autostrade per l’Italia comunica la chiusura di varie uscite sulle nostre autostrade. Sull'A7 Genova-Serravalle, dalle ore 22:00 di oggi alle ore 06:00 di domani giovedì 25 agosto, sarà chiusa Genova Bolzaneto in entrata verso Milano ed in uscita per chi proviene da Genova, per lavori di pavimentazione. In alternativa si consiglia di utilizzare Genova ovest. Sull'A11 Firenze-Pisa nord, dalle ore 22:00 di oggi alle ore 06:00 di domani, sarà chiusa l’uscita di Lucca est, per chi proviene da Firenze, per lavori di ripristino danni a seguito di un incidente. E' consigliato uscire alle stazioni di Lucca ovest o di Capannori. Infine sull'autostrada A12 Genova-Sestri Levante, dalle ore 23:00 di oggi alle ore 02:00 di domani 25 agosto, sarà chiusa l’uscita di Rapallo, per chi proviene da Genova, per lavori di manutenzione: consigliato uscire alla stazione di Recco.

© Riproduzione Riservata.