BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

FRUTTARIANI E MELARIANI / Nuovi stili di alimentazione a confronto (Vertigo, oggi 31 agosto 2016)

Fruttariani e melariani: nutrirsi di sola frutta, si può? Nascono nuove tendenze alimentari che contrastano con quanto sostenuto dai Vegani. Oggi su Vertigo, mercoledì 31 agosto 2016.

Fruttariani e Melariani (immagine d'archivio)Fruttariani e Melariani (immagine d'archivio)

Nel corso della nuova puntata della trasmissione Vertigo, in onda stasera su Rai3, uno dei temi trattati sarà caratterizzato dal confronto tra Fruttariani e Melariani. Due gruppi che rappresentano allo stesso tempo due differenti mondi e modi di intendere l'alimentazione, ognuno con le sue particolarità. I Fruttariani, come è facilmente intuibile, tendono a limitare la loro alimentazione al consumo di frutta. Più ristretto lo stile dei Melariani, i quali si limitano ad alimentarsi di sole mele. Si tratta di due branche nate di recente e che hanno già radunato numerosi sostenitori, anche tramite i social. Da una parte, dunque, assisteremo allo scontro tra commensali di una fazione e dall'altra tra i consumatori di sole mele, approfondendo il tema relativo al benessere ed al salutismo alimentare, divenuti argomenti centrali nello stile di vita di molti italiani e non solo.

Di diete al mondo ce ne sono sempre state tantissime, tanto da far venire il capogiro solo a sentirne parlare e non di certo per gli attacchi di fame o una carenza di zuccheri. Dopo il fenomeno di vegetariani e vegani, si è aggiunta da pochi anni un'altra tendenza in termini di alimentazione, ovvero i Fruttariani ed i Melariani. Se ne discuterà in modo approfondito in Vertigo. Gli abissi dell'anima, il programma che andrà in onda nella prima serata di oggi di Rai 3. La nascita di nuovi trend alimentari deriva dalla ricerca di una risposta ad un'annosa domanda. Come si nutrivano gli antichi? Da ciò ne deriverebbe, si presuppone, la conoscenza di un regime alimentare naturale, il più lontano possibile da strutture ed infrastrutture mediatiche, economiche e politiche. Secondo i Fruttariani infatti, come si legge nel sito Fruttariani.it, gli uomini primitivi ancora prima di essere erbivori, carnivori o onnivori si nutrivano infatti di frutta. Lo fecero inoltre per molti anni, quando ancora l'homo non era erectus e viveva sugli alberi della foresta. Da qui deriva il pensiero che ogni neonato nasca in realtà Fruttariano e che opti poi per una scelta o per l'altra solo per imposizione sociale. Una tesi senza dubbio contestata già dall'evoluzione della specie di Darwin, ma che comunque in qualche modo, come per il resto, quadra. Va poi inoltre fatta distinzione fra Fruttariano, Fruttivorismo e Fruttarismo. Il secondo indicherebbe la normale propensione a mangiare frutta, al pari di carnivori, erbivori e onnivori. Chi invece alla fine decidesse di mangiare esclusivamente frutta sarebbe Fruttariano, da cui deriva il Fruttarismo, ovvero l'alimentazione. Anche qui come nel caso dei vegetariani, va fatta una distinzione. Non tutti i Fruttariani si nutrirebbero infatti di sola frutta, ma sconfinerebbero anche in tutto ciò che deriva dalla pianta e raccolto senza fare del male al vegetale. Sono inclusi quindi anche semi e noci. E' qui che si farebbero strada quindi anche i Melariani, ovvero coloro che si nutrono di sole mele. Secondo il materiale disponibile sul web, data la nascita recente di questa branca, si scopre che si tratterebbe di una sola mela al giorno, non di più mele. Su questa scelta ci sono lacune, ma addentrandosi all'interno di alcuni forum ad hoc, si capisce come la decisione provenga dal pensiero che gli animali di solito tendono a nutrirsi di un unico cibo e che le mele contengono la quantità maggiore di fruttosio e una percentuale di 1,2% di proteine, pari al latte materno. 

© Riproduzione Riservata.