BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

La Trasfigurazione del Signore Gesù/ Santo del giorno, il 6 agosto si celebra la Trasfigurazione del Signore

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagine presa dal web  Immagine presa dal web

LA TRASFIGURAZIONE DEL SIGNORE, SANTO DEL GIORNO: LA STORIA - La Chiesa Cattolica, sin dai tempi più remoti ha sempre celebrato la solennità della Trasfigurazione di Gesù, da sempre considerata come l’emblema della salvezza, posta a fondamento della religione cristiana. Questa festa celebra un episodio, realmente accaduto, di cui se ne parla in ben tre Vangeli: quello secondo Marco, quello secondo Matteo ed, infine, quello secondo Luca. Leggendo con attenzione il testo biblico si può capire come l’episodio sia avvenuto nel periodo della Quaresima, ed esattamente sei giorni dopo la passione, morte e resurrezione di Gesù. Di fatto, però, la Chiesa celebra questa solennità nel giorno del 6 agosto. Quella della Trasfigurazione di Gesù è una festa importante, che viene celebrata non solo dalla Chiesa cattolica ma anche da quella ortodossa. Entrando più nel dettaglio, occorre precisare che sull’evento della Trasfigurazione di Gesù si è parlato moltissimo, sia nella letteratura ma, sopratutto, nell’arte ove è possibile ammirare il dipinto di Giovanni Bellini, denominato appunto La Trasfigurazione. In molti, con buone probabilità, avranno avuto modo di soffermarsi ad ammirare, o magari solo dare un’occhiata fuggevole al capolavoro. In pochi, invece, conoscono il suo vero significato. Solo facendosi aiutare dai versetti del Vangelo, nonché dalle diverse delucidazioni di Dante Agostino ed altri teologi, è possibile avere una conoscenza dell’episodio. 

Il luogo rappresentato è il monte Tabor, dove tuttora sorge una Chiesa in memoria dell’episodio. Sei giorni prima dell’evento, si narra che Gesù avrebbe annunciato ai suoi discepoli che alcuni di loro sarebbero rimasti in vita per poter vedere il Figlio dell’uomo fare ritorno nel Suo Regno. I prescelti, dunque, sono Pietro, Giacomo e Giovanni. I tre Vangeli narrano che Gesù avesse deciso di portare con sé i tre uomini sul monte Tabor, ove avrebbero dovuto pregare insieme. È qui che, in un momento di preghiera, lasciando i tre uomini poco consapevoli di ciò che stava realmente accadendo davanti ai loro occhi, Gesù mostra il suo vero Volto, presentandosi come il Figlio di Dio, con un volto luminoso come il sole, avvolto in vesti candide. Accanto a Lui, apparvero altri due uomini, ancora una volta avvolti da una luce sfolgorante: si trattava dei due profeti Mosè ed Elia. I racconti evangelici vogliono che i tre si intrattenessero a parlare sul compimento del figlio di Dio che si era appena compiuto a Gerusalemme. Non solo, durate l’apparizione ineffabile dei tre, si sente una voce proveniente dal Cielo che annuncia e conferma che quello venuto sulla terra in veste umane, morto in croce per gli altri uomini, è davvero il figlio di Dio. 

LA TRASFIGURAZIONE DEL SIGNORE, SANTO DEL GIORNO: IL PENSIERO DI SANT'AGOSTINO - Circa questo evento in molti hanno cercato di studiarlo e, soprattutto, spiegarlo. Secondo Sant’Agostino, la cui spiegazione sembra anche la più attendibile, in questo evento si ha una sorta di ricongiungimento tra il Vecchio ed il Nuovo Testamento. Questo perché c’è Gesù, della cui vita, delle cui opere, passione e morte se ne parla nel Nuovo Testamento. Ma, nello stesso episodio, assistiamo all’apparizione anche di Mosè ed Elia, due profeti dell’Antico Testamento che lo hanno sempre annunciato. Secondo Sant’Agostino, questi ultimi due rappresentano, appunto, le leggi ed i profeti che annunciano. In molte occasioni, invece, Sant’Agostino spiega che le vesti candide di cui è avvolto Gesù Glorioso rappresentano la Chiesa che, nonostante i peccati dei suoi componenti, deve restare sempre candida. Infine, l’unica voce proveniente dal Cielo, e che Pietro cercava di rintracciare tra le tende, rappresenterebbe l’unica testimonianze che Dio è unico e Trino nella veste di Padre, Figlio e Spirito Santo e, in questo caso, compito della Chiesa è quello di predicare il Mistero ineffabile Dio senza mai dividerlo.

< br/>
© Riproduzione Riservata.