BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

KATIA DELL'OMARINO / News, circoscritta l'area dell'assassino grazie al Dna (Oggi, 7 agosto 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Katia Dell'Omarino  Katia Dell'Omarino

KATIA DELL'OMARINO, NEWS: IL DNA CONFERMA IPOTESI INIZIALE, L'ASSASSINO È DEL POSTO (ULTIME NOTIZIE, OGGI 7 AGOSTO 2016) - Potrebbero presto esserci alcune importanti novità nel giallo di Katia Dell'Omarino, la donna di Sansepolcro, in provincia di Arezzo, uccisa brutalmente quasi un mese fa. Il suo assassino, infatti, non solo avrebbe lasciato la sua firma sul corpo della vittima ma grazie alla traccia biologica rinvenuta avrebbe permesso di poter stilare un vero e proprio identikit. Lo rivela ArezzoNotizie.it che sottolinea come la traccia di Dna attualmente appartenente ad "Ignoto 1" avrebbe mostrato la zona di appartenenza dell'assassino, escludendo ad esempio che si tratti di un uomo dell'Europa dell'Est ma collocandolo in Europa Occidentale. Si tratterebbe nel dettaglio di un profilo genetico riscontrabile nella zona di Sansepolcro, estendendosi al massimo fino ad Anghiari, come asseriscono gli stessi inquirenti. L'area di appartenenza dell'assassino di Katia Dell'Omarino, dunque, sarebbe stata perfettamente circoscritta, come avvenuto sin dall'inizio delle indagini. Il Dna, tuttavia, avrebbe aggiunto un particolare non meno importante: l'assassino della 41enne non solo è della zona ma sarebbe anche originario, dunque, non sarà difficile rintracciarlo.

KATIA DELL'OMARINO, NEWS: IL PARROCO SARÀ SENTITO DAGLI INQUIRENTI, LE INDAGINI SI CONCENTRANO SUI CONTATTI DELLA VITTIMA (ULTIME NOTIZIE, OGGI 7 AGOSTO 2016) - Qualche novità importante sugli attimi precedenti al delitto di Katia Dell'Omarino, la donna 41enne di Sansepolcro, in provincia di Arezzo, uccisa nella notte tra l'11 ed il 12 luglio scorso potrebbe fornirla Don Francesco Mariucci, parroco di Lama. Fu proprio il sacerdote una delle ultime persone con le quali la donna si confrontò nelle ore precedenti alla sua scomparsa, tramutatasi poi in omicidio in seguito al ritrovamento del suo cadavere. Don Francesco, secondo quanto riportato dal quotidiano online La Nazione, sarà sentito dagli inquirenti nelle prossime ore, nella speranza di poter fornire alcuni dettagli utili alle indagini sul delitto della 41enne. Il prete ha raccontato di aver parlato con la donna di Sansepolcro la sera dell'11 luglio scorso di fronte alla sua parrocchia. In quell'occasione Katia Dell'Omarino gli chiese se poteva darle dei soldi. In seguito all'incontro che precedette la sua sparizione - intorno alle 23:50 la donna si allontanò a bordo della sua auto - Don Francesco allertò i Carabinieri di San Giustino. Intanto, le indagini sull'omicidio di Katia Dell'Omarino procedono spedite concentrandosi nello specifico sulla cerchia di conoscenze e amicizie della donna. Si parla di almeno 200 persone, i cui contatti furono ritrovati nell'agendina della vittima. La sua vita era poco "social" e ciò ha reso paradossalmente più complicato l'individuazione dei soggetti con i quali era in contatto in seguito all'assenza di un profilo Facebook o dell'uso di Whatsapp. L'unico modo che la 41enne aveva per annotare contatti e numeri telefonici è contenuto proprio nella preziosa agendina ora al vaglio degli inquirenti che finora avrebbero sentito circa 150 persone. Nella giornata odierna il lavoro investigativo non si fermerà e probabilmente potrebbero essere sentite nuove persone entrate in qualche modo in contatto con Katia Dell'Omarino. Resta ancora un mistero il profilo genetico di "Ignoto 1" ritrovato sul corpo della vittima, uccisa in seguito ad una violenta lite culminata in delitto. La comparazione del Dna con circa dieci soggetti “attenzionati” al momento non avrebbe avuto esito positivo lasciando quindi alcuna un buco nelle indagini in merito al possibile assassino di Katia.



© Riproduzione Riservata.