BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPUTI SUL CROCIFISSO / Quattro giovani musulmane hanno preso di mira la Chiesa di San Zulian a Venezia: terzo attacco (oggi, 9 agosto 2016)

Sputi sul crocefisso: è successo a Venezia nella Chiesa di San Zulian, già presa di mira altre due volte nell'ultimo mese. Si tratta di attacchi mirati? News di martedì 9 agosto 2016. 

Immagine di archivio Immagine di archivio

Alcuni giorni fa aveva fatto discutere il mondo cattolico la possibilità che le porte delle Chiese venissero aperte anche alla comunità musulmana. L'occasione, tragica, era stata data dalla morte di Padre Hamel, sgozzato nella Chiesa in Normandia, in un paesino vicino Rouen. Non erano state poche le contestazioni da parte dei cittadini italiani su una prospettiva di tale apertura, incentivate ora da quanto è successo negli ultimi giorni a Venezia, nella Chiesa di San Zulian. Alcuni giovani arabi si sono infatti introdotti nel luogo di culto spacciandosi per cattolici, ma una volta ricevuta la comunione hanno rigettato la particola sull'altare, bestemmiando contro il Cristo. Il giorno seguente sono state invece quattro ragazze ad entrare nella stessa Chiesa, con il velo sul capo e dirette verso il crocefisso, pronte a sputare sul volto del Salvatore. Un'azione, riportata da Dagospia, che non lascia indifferenti i cittadini cattolici e cristiani, colpiti nella fede e nelle ideologie. Il parroco della Chiesa, don Massimiliano D'Antiga, ha sporto denuncia solo in seguito al secondo episodio, soprattutto per evitare, a quanto pare, di sollevare polemiche ed accuse nei propri confronti o verso i fedeli. Non sono i primi due casi in cui Venezia si rende protagonista di azioni ingiuriose nei confronti di un crocefisso. Meno di un mese fa, riporta Il Giornale, era stata invece la Chiesa di San Geremia ad essere presa di mira da un 25enne magrebino. L'uomo è entrato nel luogo sacro affermando di essere portatore di verità ed in seguito ha scosso il grande crocefisso fino a danneggiare un braccio del Cristo. Ed ancora, due settimane fa due musulmani sono entrati nella Chiesa di San Zulian ed hanno steso il tappetino per le preghiere musulmane, iniziando il rito privato in tutta tranquillità. 

© Riproduzione Riservata.