BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNTORE HIV / News Valentino T, aids Roma: 48 le parti lese accertate, numero destinato a salire (Oggi, 1 settembre 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagini di repertorio (LaPresse)  Immagini di repertorio (LaPresse)

UNTORE HIV ROMA, NEWS VALENTINO T: LE SCUSE AVANZATE FINGENDO IL PERFETTO STATO DI SALUTE (ULTIME NOTIZIE, OGGI 1 SETTEMBRE 2016) - Valentino T, ribattezzato come l'untore Hiv avrebbe infettato consapevolmente tutte le sue partner senza preoccuparsi di metterle al corrente del possibile rischio. Ne sarebbero certi di inquirenti, come rivelato da Il Mattino online, i quali avrebbero sottolineato anche i modi galanti con i quali il 32enne della provincia di Roma conquistava le sue future partner sessuali. Fiori e regali facevano da contorno a corteggiamenti e lusinghe, fino ad avere con le stesse rapporti completi, sempre senza protezione ed avanzando le scuse più bizzarre. "Sono un donatore di sangue, non ti preoccupare. Sono anche allergico al lattice dei preservativi", era solito dire, fingendo così di essere in perfetta salute, seppur conscio della sua sieropositività sin dal 2006. Al momento sarebbero in tutto 48 le parti lese certe, ma secondo gli inquirenti si tratterebbe di un numero incerto e destinato a salire. Tra le vittima anche un bambino di tre anni, figlio di una donna con la quale Valentino T ha avuto una breve relazione mentre lei era incinta. All'età di otto mesi fu diagnosticato al bimbo l'Hiv e l'encefalopatia, casualmente riconducibile, secondo quanto scritto nel capo di imputazione, allo stato di sieropositività contratto dalla madre durante il parto.

UNTORE HIV ROMA, NEWS VALENTINO T: UN BAMBINO DI TRE ANNI TRA LE NUMEROSE VITTIME ACCERTATE (ULTIME NOTIZIE OGGI, 1 SETTEMBRE 2016) - Si torna a parlare di Valenti T., il 32enne sieropositivo di Acilia, in provincia di Roma, ribattezzato come "untore Hiv" per aver consapevolmente contagiato con il virus di cui è affetto numerose partner. Già in carcere con l'accusa di lesioni gravissime e epidemia dolosa, la sua posizione tende ad aggravarsi con il passare dei giorni. Oggi, l'ultima novità clamorosa riportata da Roma.fanpage.it è relativa ad una nuova vittima accertata: si tratterebbe di un bambino di tre anni. Il piccolo, come riporta il quotidiano Il Messaggero, sarebbe figlio di una donna con cui Valentino T. avrebbe avuto una breve relazione mentre era incinta. La malattia al bambino gli sarebbe stata diagnosticata all'età di otto mesi. In attesa di conoscere il numero esatto delle vittime dell'untore Hiv, Valentino T. continua a restare in carcere, a Regina Coeli, dove è rinchiuso dal 22 novembre scorso.

UNTORE HIV ROMA, NEWS VALENTINO T: 5 NUOVE VITTIME DI AIDS (NEWS OGGI, 1 SETTEMBRE 2016) - Si torna a parlare di Valentino T, l' 'untore hiv' romano arrestato con l'accusa di epidemia dolosa. L'uomo avrebbe contagiato in dieci anni 36 donne, non avvertendole di essere sieropositivo prima di avere rapporti sessuali non protetti. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, sale il conto delle vittime dell' 'untore hiv' dopo che altre 5 donne hanno rivelato di essere state contagiate da Valentino T. L' 'untore hiv' è in carcere dal novembre 2015 ma le indagini sulle vittime non sembrano essere concluse visto che non si sa ancora con esattezza quante siano state le donne contagiate da Valentino T. I nuovi casi si sono verificati in cinque anni, tra il 2010 e il 2015. Il bilancio di 36 donne contagiate dall' 'untore hiv' è però provvisorio visto che Valentino T non ha finora fornito i nomi delle sue amanti, anche se inizialmente aveva promesso che avrebbe collaborato e comunicato agli inquirenti la lista delle donne con cui ha avuto rapporti sessuali.

< br/>
© Riproduzione Riservata.