BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIARIO USA/ Via dalla Chiesa a 10 anni? Senza domanda la fede non ha senso

Pubblicazione:

Papa Francesco nel carcere di Curran-Fromhold, Philadelphia (LaPresse)  Papa Francesco nel carcere di Curran-Fromhold, Philadelphia (LaPresse)

Quel che mi ferisce di più nel guardare questi giovani "senza fede" è l'impoverimento dell'umano, la debolezza del desiderio, la fragilità affettiva, la difficoltà a stare di fronte alla realtà. Sono "malattie" endemiche di sempre, ce le portiamo addosso tutti, ma oggi sono più diffuse ed acute. E l'impoverimento dell'umano porta inevitabilmente ad un impoverimento del concetto di ragione, immiserito e ridotto a calcolo del proprio immediato tornaconto. 

Non è questione di "prove". La "prova" non convincerebbe nessuno. Come quando, teenager, venni avvicinato da un prete che mi conosceva e che aveva notato la mia assenza a messa. "Vieni — mi disse — siediti che ti spiego istante per istante il significato di ogni gesto della messa. Cosi capirai". "No, grazie — gli risposi —. Non mi interessa". 

La "prova" può convincere la giuria di un tribunale, ma non il cuore dell'uomo che non cerca. 

E arriviamo alle conclusioni della ricerca: ci vogliono "attività settimanali", come lavoro catechetico, gruppi di studio delle Scritture, raduni per giovani; ci vogliono nella vita "adulti di fede oltre ai propri genitori"; ci vogliono "profonde esperienze spirituali". I nostri ricercatori giungono a questa conclusione attraverso l'osservazione: chi trova queste cose non se ne va. Perché, come diceva Msgr. Albacete, la fede identifica il mistero con una realtà concreta. 

Insomma, c'è bisogno di una scintilla di Bellezza più forte del torpore della distrazione e dell'opacità del  disinteresse e della noia. 

Per i giovanissimi, ma anche per noi, perché nessuno può vivere senza.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.