BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Cesare Avenati / Croazia, ritrovato bambino rapito 5 anni fa dalla madre: ora rischia 7 anni di carcere (La Vita in Diretta, oggi 12 settembre 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagini di repertorio (Foto: LaPresse)  Immagini di repertorio (Foto: LaPresse)

CESARE AVENATI, RITROVATO IL BAMBINO RAPITO IN CROAZIA 5 ANNI FA: LA GIOIA DEL PAPÀ ALESSANDRO (LA VITA IN DIRETTA, OGGI 12 SETTEMBRE 2016). LA MAMMA RISCHIA 7 ANNI DI CARCERE - Cesare Avenati, il bimbo scomparso 5 anni fa in Croazia, è finalmente stato ritrovato: è vivo, era stato sottratto dalla mamma fino a questo momento e ora la donna si ritrova in carcere mentre il padre, Alessandro, vede finalmente la fine del tunnel dopo la tenace ricerca e i tantissimi ricorsi presso i tribunali internazionali per continuare le indagini sulla ritrovamento di Cesare. A La Vita in Diretta il padre è stato molto sincero: ora “mi si sta togliendo quel coltello che avevo piantato nel cuore”. Ancora dovrà attendere prima di riabbracciare visto che ora il bimbo è in affidamento ai nonni materni, in attesa degli accorsi tra i vari servizi sociali in campo per questo caso internazionale di affidamento. Nel frattempo la mamma del piccolo Cesare rischia 7 anni di carcere, riporta il programma della Rai, per sottrazione internazionale di minore: i bimbi contesi ritornano così nelle tematiche strette e urgenti anche della legislazione europea. Un caso che varrà la pena seguire anche nei prossimi mesi.

CESARE AVENATI, RITROVATO IL BAMBINO RAPITO IN CROAZIA 5 ANNI FA: LA GIOIA DEL PAPÀ ALESSANDRO (LA VITA IN DIRETTA, OGGI 12 SETTEMBRE 2016) - La storia incredibile di Cesare Avenati, il bambino rapito 5 anni fa in Croazia dalla madre e sparito per tutto questo tempo: due giorni fa la notizia choc arriva dallo stesso paese croato, con l’annuncio fatto dal papà Alessandro che in in questi anni non si è mai arreso a rivedere il suo piccolo Cesare. «Ho avuto la notizia, sono confuso ma felice. È una gioia indescrivibile, sono felicissimo anche se non quando potrò riabbracciarlo ancora», racconta alla stampa negli attimi dopo il ritrovamento in Croazia del piccolo Cesare Avenati. Oggi il papà Alessandro Avenati è a La Vita in Diretta per parlare di questo caso di cronaca per una volta con il lieto fine: senza parole inizialmente il povero uomo che cinque anni fa perse moglie e figlio, con la fuga della donna di cui si persero le tracce. Ora la donna, Nina Kuluz, è stata arrestata nel suo paese in Croazia e il piccolo Cesare verrà presto estradato in Italia per riabbracciare il padre: come riassume l’Ansa, «Il papà aveva denunciato, il 9 aprile 2011, alla Stazione Carabinieri di Moncalieri, la sottrazione del minore da parte della madre che, secondo lui, era tornata a Spalato. Anche se erano state attivate le autorità giudiziarie ed i canali diplomatico/consolari per rintracciare la donna e il bambino, i due sono stati irrintracciabili fino a questi giorni». Indagini internazionali e la tenacia di quest’uomo hanno permesso la fine positiva dell’inchiesta: per ora Cesare è stato affidato ai nonni materni croati ma presto ci saranno gli incontri tra i servizi sociali italiani e quelli croati per arrivare ad un compromesso che possa rendere felici tutti.



© Riproduzione Riservata.