BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CONGRESSO EUCARISTICO NAZIONALE / Genova, diretta streaming video della Messa d’apertura al XXVI congresso Cei (oggi 15 settembre 2016)

Congresso Eucaristico Nazionale 2016 a Genova, la diretta streaming video della Messa d'apertura al XXVI Congresso della Chiesa Nazionale Italiana, la Cei. Orario e celebrazioni

Foto: LaPresse Foto: LaPresse

È cominciato oggi il XXVI Congresso Eucaristico Nazionale della Chiesa Italiana a Genova e questa sera verrà officiato l’inizio ufficiale con la processione e la Messa in diretta tv su Tv2000 (ma anche su streaming video sul sito online) presieduta dal Cardinale di Genova e Presidente della Cei, Angelo Bagnasco. L’inizio della Celebrazione Eucaristica avrà luogo alle ore 20.30 e segnerà l’apertura del XXVI Congresso Eucaristico Nazionale, da Piazza Matteotti nella Cattedrale di San Lorenzo. È un evento importante e culminante della Chiesa Italiana che di fatto rappresenta l’invito di una comunità locale presso tutte le altre nazionali. La finalità del Congresso viene ribadita quest’oggi da uno speciale di Tv2000 e Famiglia Cristiana, dove viene espresso l’intento di questo grande evento religioso: «avorire o prendere quelle iniziative che, in armonia con le disposizioni vigenti della Chiesa, hanno lo scopo di incrementare la comprensione e la partecipazione al Mistero eucaristico in tutti i suoi aspetti: dalla celebrazione al culto extra missam, fino alla irradiazione nella vita personale e sociale». Il Congresso Eucaristico Nazionale avrà logorino al 18 settembre con eventi e altri momenti dove la città di Genova accoglierà le varie delegazione da tutta Italia. Ecco le parole con cui il Cardinale Bagnasco ha voluto introdurre il gesto di questa sere e die prossimi giorni: «Cari Amici – continua il testo – vorremmo con voi anche riscoprire noi stessi, la bellezza delle nostre origini cristiane” consapevoli “che la questione più grave oggi è il calo della fede: è quindi necessario il risveglio interiore, il cuore ardente”. Per questo, diventa “decisivo portare gli uomini del nostro tempo a riconoscere il Signore Gesù, e così tornare a riconoscere il volto dell’uomo. Se Dio sparisce dall’orizzonte, l’umanità viene colta da un disorientamento i cui effetti disumani sono sotto gli occhi».