BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

EUTANASIA BAMBINO IN BELGIO/ Accade quando rubiamo il posto a Dio

La notizia su La notizia su "Het Nieuwsblad"

Perché Dio è quello che stringe la mano all'uomo e l'uomo, che è bambino, è quello la cui mano è stretta. Lo dice anche la foto che molti siti hanno scelto per raffigurare la notizia. Una manina con dei tubicini e cerotti che viene stretta da una mano adulta. Perché non mettere le due mani separate o la manina sola? Perché non ce la facciamo proprio. Perché la verità se non la puoi immaginare, guardare, raffigurare, non la puoi neanche "fare", vivere. Perché siamo fatti per custodirci. Fino alla fine, fino a tutta la vita. Siamo fatti di vita, fino alla fine.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
18/09/2016 - Chi sono io per giudicare (nicola mastronardi)

Premetto che sono contrario a qualsiasi atto di violenza, perché io ho fatto l'esperienza di essere stato abbracciato e di essere oggetto di misericordia. Sono d'accordo con tutto quello che Mauro Leonardi dice, ma se in Belgio esiste una legge dal 2014 che permette l'omicidio legalizzato chi sono io per giudicare i genitori, i dottori ecc ecc. La legge andava contrastata prima (non so se Mauro Leonardi è d'accordo). Se si fanno le leggi senza tenere conto delle leggi di Dio questo è il risultato, se passa il concetto chi sono io per giudicare accade questo.

RISPOSTA:

Credo di non aver capito la domanda, se di domanda si tratta. In ogni caso provo a rispondere. Senza andare troppo a ritroso nel tempo, poiché il Belgio è una democrazia, la domanda cui si deve rispondere è come faccio a convincere la maggioranza delle persone che, per rimanere nell'articolo, il valore fondante di una società non è la privacy ma la vita. Non vorrei che la mia affermazione fosse presa solo dal lato "comunicazione e marketing": sono convinto infatti che ogni problema di comunicazione è un problema di comunione e che quindi si tratta di costruire ponti e non muri (anche perché i muri sono sempre la sconfitta di chi li costruisce). ML