BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

18ENNE MORTA DI LEUCEMIA/ Se l'ideologia è più forte del bene di papà e mamma

Pubblicazione:

Eleonora Bottaro (Foto Il Mattino di Padova)  Eleonora Bottaro (Foto Il Mattino di Padova)

I medici sbalorditi hanno fatto il possibile, segnalando il caso al Tribunale dei Minori, che avevano perfino tolto ai genitori la patria potestà. Terribile, ma necessario. Non è servito a nulla, perché Eleonora, lei, che come ogni figlia in fondo si fida di padre e madre, ha detto no, anche da maggiorenne, caparbiamente, sicura che non potevano mentirle, che le cure da loro proposte, in quella clinica svizzera, non le avrebbero fatto così male come i chemioterapici, anzi, l'avrebbero fatta guarire meglio e più in fretta. E invece suo padre e sua madre le hanno mentito.
Senza volerlo? Dipende. Sicuramente non era loro intenzione perderla, ma era loro ferma intenzione considerare la medicina corrente come inetta e ottusa, e, fanatici nella loro ideologica pretesa di essere più intelligenti e alternativi, credere di essere meglio, di saperla più lunga. O peggio, di accettare il corso inclemente dei fatti. Accampando la volontà della figlia, che non era in coma profondo, impedita di scegliere e far sentire la sua voce. Ma era una voce indotta, sedotta, da anni. I medici sbagliano, la scienza non è infallibile. Il destino non è uguale per tutti. Ma i progressi ci sono, le vite si salvano, la storia di Eleonora è un monito per tutti. L'ideologia uccide.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
02/09/2016 - Forse non era ideologia, ma speranza (claudia mazzola)

Ho 52 anni, ho perso tante persone care. Ieri un amico 58enne è morto d'infarto. Morti di tutti i colori: incidenti, malattie, cadute, vecchiaia. Cure di ogni tipo, recuperi alternativi e non, si muore lo stesso quando ti tocca pure se hai fede, grazie a Dio io ce l'ho e quindi spero nella vita eterna mia e di Eleonora.

 
02/09/2016 - Un sottile trionfalismo (gabriela soppelsa)

I genitori avranno ben capito il loro sbaglio, i fatti di per sé devono essere laceranti poiché niente di più doloroso della morte di un figlio. Questo articolo però a un certo livello infierisce su di loro perché teso a provare il punto di vista opposto. E così facendo contraddice il suo scopo, è a dire l'ideologia stessa di questo articolo, un suo sottile trionfalismo, non permette rispettare il dolore di quei genitori.