BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Matteo Cagnoni/ News, Giulia Ballestri: altre conferme dell'uxoricidio nella villa degli orrori? (Oggi, 24 settembre 2016)

Matteo Cagnoni, ultime news: è sua l'auto immortalata nei pressi della villa in cui è stata uccisa la moglie Giulia Ballestri? Indagini in corso per accertare la sua colpevolezza.

Giulia Ballestri e Matteo Cagnoni Giulia Ballestri e Matteo Cagnoni

Ancora aggiornamenti sul dermatologo Matteo Cagnoni, ora in carcere con l'accusa di aver ucciso la moglie Giulia Ballestri. Parliamone sabato è fra le trasmissioni che in questi giorni sta approfondendo il caso, mentre chi conosceva il medico si dichiara ancora sorpreso di questo suo, possibile, folle gesto. In studio è stato mostrato infatti un video in cui Cagnoni parlava dell'Inter, sua squadra del cuore, e dei figli. Per il pubblico presente l'immagine del dermatologo trasmette tenerezza, così come le sue parole affettuose, ed è proprio per questo che l'accusa che pende su di lui lascia attoniti. Intanto ieri la Polizia è tornata i nuovo nella villa degli orrori, la stessa in cui lunedì scorso è stato ritrovato il corpo di Giulia Ballestri. Gli esperti della scientifica, riporta Quotidiano.net, sono giunti fin da Bologna, rimanendo nella casa quasi 12 ore, alla ricerca di ulteriori indizi. La prima analisi della videosorveglianza del quartiere confermerebbero la tesi dell'uxoricidio, soprattutto pechè la telecamera di via Padre Genocchi, a poca distanza dalla scena del crimine, avrebbe ripreso l'arrivo di un'auto che secondo gli inquirenti corrisponde alla Chrysler di Matteo Cagnoni. A bordo si trovavano in quel momento due persone, di cui una forse la moglie, mentre subito dopo la telecamera ha ripreso la presenza di una sola persona. 

Il noto dermatologo dei vip, Matteo Cagnoni, presunto assassino della moglie 40enne Giulia Ballestri, dal carcere di Firenze continua a ribadire la sua innocenza, eppure contro di lui indizi e prove continuano ad accumularsi rendendo la sua posizione sempre più compromessa. Ieri mattina, per volere della Procura, alcuni periti hanno eseguito delle analisi accurate sull'uomo, alla ricerca di eventuali ferite che lo stesso si sarebbe potuto procurare durante il delitto della donna. Intanto, sempre ieri sono state rese note le prime informazioni relative all'autopsia compiuta lo scorso giovedì sul cadavere di Giulia Ballestri. I dati finora trapelati e resi noti dal quotidiano Il Resto del Carlino nella sua versione online evidenziano un quadro shock di quanto sarebbe accaduto nella villa abbandonata a Ravenna, dove il corpo della 40enne, madre di tre figli, sarebbe stato ritrovato. L'esame autoptico condotto dal professor Franco Tagliaro avrebbe intanto collocato la morte di Giulia tra giovedì e venerdì, causata dal soffocamento per via di sangue nei polmoni. Almeno dieci sarebbero state le bastonate sferrate non solo sul capo della vittima ma anche su mani e braccia. Inoltre, le lesioni riportate dal cadavere della 40enne farebbero pensare ad un tentativo di difendersi dal suo assassino. Per tale ragione è stato prelevato il materiale ritrovato sotto le unghie di Giulia Ballestri per ulteriori esami, che prevedono anche l'accertamento della violenza sessuale. Anche di questo è accusato il marito Matteo Cagnoni, arrestato per l'omicidio volontario e l'occultamento di cadavere della donna. Ad incastrarlo, ora, potrebbero essere anche le immagini delle telecamere comunali poco distanti dalla villa divenuta il luogo del delitto e che avrebbero immortalato un'auto molto simile a quella dell’uomo. Il filmato sarebbe attualmente al vaglio degli inquirenti e la vettura di Matteo Cagnoni sarebbe stata ripresa in un orario compatibile con quello del delitto, ovvero lo scorso venerdì mattina, 16 settembre. Dal video si vedrebbero due persone scendere dall'auto, quasi certamente Giulia Ballestri ed il marito e successivamente, dopo pochi minuti, solo una avrebbe fatto rientro. Le immagini non sarebbero chiarissime e si sta lavorando al fine di ripulirle ed accertare la presenza di Matteo Cagnoni nel luogo in cui sarebbe avvenuto l'atroce omicidio della moglie.

© Riproduzione Riservata.