BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

MARIA UNGUREANU / News, svuotata la piscina del resort: attesa per esami in corso (Oggi, 25 settembre 2016)

Maria Ungureanu, news: confermata dalla Bruzzone l'omicidio colposo e le violenze sulla bambina. Per la criminologa i responsabili sono Daniel e Cristina Ciocan. News del 25 settembre 2016.

Maria UngureanuMaria Ungureanu

Nei prossimi giorni potrebbero finalmente esserci importanti novità nel giallo sulla morte di Maria Ungureanu, la bambina di quasi 10 anni e di origini rumene, trovata senza vita all'interno del resort di San Salvatore Telesino lo scorso 19 giugno. Il suo cadavere, fu rinvenuto nella piscina della struttura, senza abiti. Nei giorni scorsi, i Carabinieri affiancati dai Vigili del fuoco sono nuovamente tornati nel luogo del delitto. Secondo quanto riferito dal quotidiano online Il Quaderno, i militari avrebbero provveduto a far svuotare la piscina permettendo in tal modo la misurazione dei fondali da parte degli esperti nominati dalla procura di Benevento. Saranno proprio queste analisi, insieme all'autopsia compiuta sul corpo della piccola Maria Ungureanu, a permettere la possibile svolta nel giallo, a oltre tre mesi dall'apertura del caso. Ne sarebbe convinta anche la criminologa Roberta Bruzzone, stando alle sue parole: "Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto dalla Procura che ha investito risorse per portare avanti un lavoro puntuale e certosino. Siamo sulla stessa lunghezza d’onda e a breve potrebbero esserci sviluppi. Ci sono però ancora accertamenti in corso e aspettiamo i risultati dell’esame autoptico", aveva dichiarato nei giorni scorsi.

Il giallo sulla morte di Maria Ungureanu resta ancora irrisolto ad oltre tre mesi dal ritrovamento del corpo senza vita della bambina di quasi 10 anni. Lo scorso venerdì, come riporta il quotidiano IlQuaderno.it, la criminologa Roberta Bruzzone, incaricata dalla famiglia della vittima in qualità di consulente, si è recata in procura a Benevento insieme all'avvocato Fabrizio Gallo. A detta del legale della famiglia di Maria Ungureanu, si è trattato di un incontro "molto proficuo", quasi certamente realizzato per fare il punto della situazione sulle indagini in corso. Lo stesso avvocato ha ribadito come a sua detta gli inquirenti abbiano ormai le idee chiare su quanto avvenuto nella piscina del resort di San Salvatore Telesino la sera dello scorso 19 giugno. "Servono gli ultimi elementi che arriveranno dopo il 29 settembre per tirare le somme", ha concluso l'avvocato Gallo, lasciando intendere come la svolta sulla morte di Maria Ungureanu e che vede indagati a piede libero Daniel Ciocan e la sorella Cristina sia ormai giunta ad una svolta importante. Nei prossimi giorni potrebbe accadere la tanto attesa soluzione del giallo?

Nei giorni scorso la criminologa Roberta Bruzzone ha incontrato di nuovo i pm per il caso di Maria Ungureanu, la bambina di 9 anni e di origini rumene ritrovava priva di vita in un resort di San Salvatore Telesino. Per la professionista, incaricata dalla famiglia, non ci sarebbero dubbi su come si sono svolti i fatti: Maria Ungureanu è stata uccisa e violentata in precedenza. La Bruzzone ha infatti affermato via telefono a Napoli Fanpage che i due particolari sono interconnessi fra di loro e che la pista su Daniele Ciocan e la sorella Cristina sarebbe corretta. "Una serie di risultati confermeranno ulteriormente l'accaduto", riferisce la criminologa, sottolineando come in questo caso siano stati utilizzati degli strumenti altamente tecnologici e che quindi la svolta sia vicina. "Si attendono una serie i risultati di interesse fondamentale", aveva infatti detto poco prima, aggiungendo anche di essere molto fiduciosa sui futuri sviluppi. Come ha già ribadito in passato, per la professionista non ci sarebbero dubbi sul fatto che Maria Ungureanu sia stata uccisa. Si era discusso infatti a lungo, nelle settimane successive al ritrovamento, sulla possibilità che in realtà la bambina fosse annegata durante un gioco con degli amici. La tesi era della criminologa Ursula Franco che al fianco degli avvocati Salvatore Verrillo e Giuseppe Maturo difendono Daniel e la sorella. La Bruzzone ha inoltre riferito che i risultati rivelatori arriveranno dopo il prossimo 29 settembre, fra cui anche l'esame autoptico fatto alcuni giorni fa dai Carabinieri, che sono ritornati al Resort in cui è stato ritrovato il corpo di Maria Ungureanu. Nel fratempo, Daniel e Cristina Ciocan rimangono gli unici iscritti nel registro degli indagati, entrambi con l'accusa di omicidio. Solo nel caso del giovane 21enne si deve aggiungere anche l'accusa di violenza sessuale, motivo che ha spinto i legali a nominare i due medici legali Vincenzo Migliorelli e Fernando Panarese. 

© Riproduzione Riservata.