BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

CONTI CORRENTI ONLINE / Non sicuri? Ecco tutti i costi pagati dai clienti (Mi Manda Rai 3, oggi 27 settembre 2016)

Conti correnti online: sono o non sono sicuri? Ecco quali sono tutti i costi, spesso dimenticati, pagati dai clienti. Mi Manda Rai 3, oggi 27 settembre 2016 

Mi Manda RaiTreMi Manda RaiTre

Si parlerà di conti correnti online stasera nella puntata di Mi Manda RaiTre, in onda su Rai3 alle 22.45. Il programma condotto da Salvo Sottile cercherà di rispondere alla domanda se i nostri conti correnti online sono sicuri o meni. Durante la trasmissione saranno svelati tutti i costi, spesso dimenticati, che paghiamo ogni anno per la gestione ordinaria dei nostri conti correnti. E non solo. Saranno anche raccontate le disavventure capitate ad alcuni cittadini ai quali è stato hackerato il proprio conto corrente online: scopriremo che cosa è accaduto loro e quali sono le misure che si possono adottare per evitare che questo accada. Aprire un conto corrente online può essere gratuito visto che sono sempre più diffusi i conti correnti a zero spese e, come ricorda Investireoggi.it, in alcuni casi, può anche comportare un guadagno. Alcune banche infatti cercano di imporsi sulla concorrenza proponendo un bonus di benvenuto ai propri possibili clienti. Questo però non significa che non si debba fare attenzione prima dell'apertura dei conti correnti online e soprattutto dopo nella gestione dei propri soldi.

I conti correnti online possono anche contenere degli inganni. Sarà questo uno dei temi di discussione stasera a Mi Manda RaiTre, la trasmissione di Rai 3 condotta da Salvo Sottile. In una recente inchiesta di Lavoce.info, riportata da Il Fatto Quotidiano, è stato segnalato infatti che le banche avrebbero inventato un modo per nascondere ai clienti le commissioni di entrata in alcuni tipi di fondi comuni. Dietro la proposta di un fondo senza commissione d'ingresso può nascondersi il fatto che la commissione di ingresso (o di sottoscrizione) sia stata sostituita da un’altra, quella di collocamento. Mentre la vecchia commissione era visibile, la nuova non viene vista dal cliente perché spalmata su tutto il periodo di investimento. Le banche avrebbero introdotto questo cambiamento per un duplice motivo: "il cliente sarà più propenso a comprare un prodotto di investimento se ha l’impressione che la detestata commissione di ingresso sia sparita. Non solo: se decidesse di uscire dall’investimento prima della scadenza, la commissione di collocamento diventerebbe una commissione di uscita" (clicca qui per leggere tutto).

© Riproduzione Riservata.