BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA IN GEORGIA/ Kelly-Buccellati: storia, missione e bellezza, ecco cosa chiede Francesco

Pubblicazione:venerdì 30 settembre 2016

Papa Francesco (LaPresse) Papa Francesco (LaPresse)

E’ stato un lavoro condiviso e nel quale si sono unite molteplici competenze e discipline dall’archeologia alla storia dell’arte, dalla storia della chiesa a quella nazionale. Questa interdisciplinarietà ha permesso di guardare a un popolo cogliendo contestualmente i vari aspetti che hanno concorso all’identità e al cammino di fede, una fede che resiste a qualsiasi dominazione e invasione. Anche la dura repressione sovietica non è riuscita a sradicare dalle coscienze la dimensione religiosa, l’appartenenza a un popolo, l’identità espressa da tradizioni, costumi e dalla propria lingua. Ringrazio molto David Lordkipanidze, direttore del Museo nazionale georgiano e i professori Ekaterina Gamkrelidze, Nino Lordkipanidze, Mikheil Tsereteli. Il messaggio sia della mostra, replicabile in altre città, sia del libro si lega molto al viaggio di Papa Francesco. La Georgia ha svolto nella sua storia un delicato quanto prezioso e incisivo ruolo di ponte tra Occidente e Oriente. Si è sempre considerata l’ultimo avamposto occidentale e la mediatrice di dialogo con l’Est Europa e con il vicino Oriente. Un compito che ha potuto assolvere grazie alle sue profonde radici cristiane, a una chiesa autocefala ma fedele custode delle verità rivelate: al primo concilio di Nicea e a quello di Calcedonia si è distinta per la difesa del Credo e per la condanna delle eresie dal monofisismo al nestorianesimo. Riprendere il dialogo, come sta insistendo il Papa, con le chiese ortodosse significa guardare alla fede come motore di cambiamento e di ricostruzione di un’Europa smarrita e di considerare le religioni come soggetti attivi nella ricerca di soluzioni di pace. Ma anche come protagoniste di una cultura per l’uomo in grado di affrontare ogni aspetto delle crisi dall’ambiente all’economia, dalle migrazioni alla convivenza plurale.

 

(Giovanni Santambrogio)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.