BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Ultime notizie / Oggi, ultim’ora: Papa Francesco in Georgia, “basta guerra in nome delle differenze” (30 settembre 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Papa Francesco (LaPresse)  Papa Francesco (LaPresse)

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 30 SETTEMBRE 2016 (ULTIM’ORA). PAPA FRANCESCO IN GEORGIA - Nel primo discorso tenuto da Papa Francesco nel suo 16esimo viaggio internazionale, in Georgia questa volta, Bergoglio ha voluto sottolineare un tema caro al suo Pontificato come del resto a questo Giubileo della Misericordia che va verso la conclusione. «Basta guerre, qualsiasi distinzione di carattere etnico, linguistico, politico o religioso, lungi dall’essere usata come preteso per trasformare le divergenze in conflitti e i conflitti in interminabili tragedie, può e deve essere per tutti sorgente di arricchimento reciproco a vantaggio del bene comune». Detto poi in Georgia dove la guerra contro la Russia è recentissima, solo nel 2008, fa un certo effetto: il Papa non lo cita direttamente ma insiste, «tutto questo esige che ciascuno possa mettere pienamente a frutto le proprie specificità, avendo anzitutto la possibilità di vivere in pace nella sua terra o di farvi ritorno liberamente se, per qualche motivo, è stato costretto ad abbandonarla». La Georgia può essere un ponte tra Europa e l’Asia, “ne abbiamo davvero bisogno e ringrazino Dio Onnipotente per avermi offerto l'opportunità di visitare questa terra benedetta, luogo d'incontro e di vitale scambio tra culture e civiltà, che nel cristianesimo ha trovato, fin dalla predicazione di Santa Nino all'inizio del IV secolo, la sua più profonda identità e il fondamento sicuro dei suoi valori».

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 30 SETTEMBRE 2016 (ULTIM’ORA). NUOVI ASSESSORI NELLA GIUNTA RAGGI A ROMA - Le ultime notizie che arrivano dal Campidoglio confermano le voci di questa mattina: Virginia Raggi ha nominato i due assessori nei posti ancora vacanti dopo le dimissioni e le polemiche di fine agosto-indio settembre. Il sindaco ha scelto dunque per il Bilancio Andrea Manzillo e come assessore alle Partecipate invece Massimo Colomban. Come riportano gli analisti in questi primi momenti di novità per le nomine politiche, la scelta della Raggi per il comune di Roma sarebbe difensiva e di garanzia, dopo i disastri dei precedenti ruoli che a cinque mesi dalle elezioni ancora vedeva la totale immobilità nel ramo di Bilancio e agenzie partecipate, due dei problemi più gravi nella Capitale. Un industriale che lavora nei Metalli, Colomban, con passato di stima da Casaleggio e un professore universitario di Tor Vergata esperto di finanza locale, come Mazzillo. Nel corso della giornata sono attese le nomina ufficiali in Campidoglio.

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 30 SETTEMBRE 2016 (ULTIM’ORA). FILIPPINE, PRESIDENTE DUTERTE ANCORA NELLA BUFERA - Le ultime notizie che arrivano dalle Filippine riguardano ancora le uscite ormai quasi folli del presidente della Repubblica, Rodrigo Duterte: dopo aver insultato Obama prima di un incontro bilaterale con gli Usa, “è un figlio di p….” ora fa ancor peggio e scomoda paragoni “illustri”. «Hitler ha sterminato tre milioni di ebrei, nelle Filippine ci sono adesso tre milioni di tossicodipendenti, sarei felice di sterminarli tutti», sono le parole dette di ritorno a Manila dopo una visita pubblica in Vietnam. Ovviamente la bufera arriva di nuovo su questo politico molto discusso anche nel suo Paese: choc e inesattezze, oltretutto, visto che gli ebrei uccisi nella Shoah sono almeno il doppio, circa sei milioni, ma soprattutto è il paragone a renderlo del tutto squalificabile. «Se la Germania ha avuto Hitler, le Filippine possono contare su di me. Vorrei che voi tossici foste tutti criminali così da poter chiudere la questione nel mio Paese e salvare la prossima generazione dalla perdizione».

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 30 SETTEMBRE 2016 (ULTIM’ORA). RITROVATI DUE QUADRI DI VAN GOGH IN UN BLITZ ANTI-CAMORRA - Clamoroso ritrovamento in un blitz contro la Camorra questa mattina dagli uomini della Guardia di Finanza a Castellammare di Stabia: le ultime notizie parlano, oltre alla grossa refurtiva dei criminali, anche due quadri di Van Gogh, rapinati 14 anni fa ad Amsterdam in un bottino diventato quasi epico. Nelle prossime ore i due dipinti di valore inestimabile saranno presentati alla stampa dopo l’incredibile ritrovamento del nucleo di polizia tributaria. «Quando li abbiamo finalmente trovati, non credevamo ai nostri occhi», raccontano dalla Procura di Napoli guidata da Giovanni Colangelo insieme al nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza segnano uno di quei colpi che entra nei libri di storia dell'arte. Ritrovate le due tele di Vincent Van Gogh in un covo riconducibile al boss del narcotraffico, Raffaele Imperiale, come riporta Repubblica questa mattina.

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 30 SETTEMBRE 2016 (ULTIM'ORA). LE 80 CANDELINE DI BERLUSCONI - Circondato dall’affetto dei suoi cari, ieri Silvio Berlusconi ha compiuto 80 anni. L’ex presidente del consiglio quest’anno ha voluto evitare le feste faraoniche dei precedenti compleanni e tramite il suo addetto stampa ha fatto sapere di aver preferito passare la giornata nella sua villa di Arcore, ricordando i giorni in cui era al centro dell’economia e della politica nostrana. Tantissimi i messaggi di auguri giunti da tutti i leader politici, spesso contrapposti a Berlusconi, ma concordi nel ricordare la sua statura da statista, a cui volente o nolente sono legate le sorti del nostro Paese degli ultimi vent’anni. Al tavolo dei festeggiamenti l’intera famiglia con accanto allo statista la sua fidanzata, Francesca Pascale.

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 30 SETTEMBRE 2016 (ULTIM'ORA). LA RUSSIA DICE NO A 7 GIORNI DI TREGUA IN SIRIA - Un netto no, motivato dal fatto che 7 giorni di tregua permetterebbero la riorganizzazione dell’esercito del Califfato. Questa la risposta della diplomazia russa, ad una richiesta avanzata dal segretario di Stato americano Kerry. I diplomatici russi hanno fatto sapere agli omologhi a stelle e strisce di essere d’accordo a sospendere le operazioni militari al massimo per 48 ore, ore che per gli americani sono però troppo poche per far passare i convogli umanitari che potrebbero alleviare la sofferenza dei civili, ancora imprigionati nella zona di Aleppo. Intanto l’Unicef fa sapere che almeno 96 bambini sono morti nell’ultima settimana, mentre il numero dei feriti assommerebbe ad oltre 200 adolescenti. Ieri  nella zona est della cittadina si registrano nuovi bombardamenti terrestri dell’esercito siriano, bombe che cadono su una città già devastata dai jet russi.

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 30 SETTEMBRE 2016 (ULTIM'ORA). INCIDENTE FERROVIARIO IN NEW JERSEY - Un tragico incidente ferroviario è avvenuto nel pomeriggio italiano in America e precisamente nella stazione di Hoboken, piccolo centro vicino a New York. L’incidente le cui dinamiche sono ancora da chiarire, è avvenuto all’ingresso della stazione. Un treno in entrata, forse a causa di un errore informatico, non ha rallentato minimamente andandosi a schiantare sulla banchina. Le prime immagine girate direttamente dai passeggeri hanno fornito ai media americani una visione infernale: molte le urla della persone a bordo, le lamiere contorte e i passeggeri che cercavano di mettersi in salvo. Alla fine pesante il bilancio delle vittime: almeno un morto e più di 100 feriti. Cordoglio è stato espresso dalla Casa Bianca, che tramite il suo portavoce ha fatto sapere che sarà fatto di "tutto per conoscere le cause dell’incidente". 

ULTIME NOTIZIE DI OGGI, 30 SETTEMBRE 2016 (ULTIM'ORA). ACCORDO RAGGIUNTO PER LA PRODUZIONE DEL PETROLIO - I Paesi produttori di petrolio hanno raggiunto ieri un accordo sulla produzione del greggio. Ad Algeri infatti il gruppo di colossi ha deciso un taglio della produzione di oro nero, diminuzione che dovrebbe essere quantificata in 700 mila barili di petrolio in meno al giorno. La decisione è stata recepita immediatamente dalle borse internazionali: aumenti generalizzate dei titoli legati al comparto energetico. La decisione riveste la massima importanza, dato che dal 2008 la produzione era sempre aumentata. Anche i consumatori finali potrebbero pagare la decisione dell’OPEC, visto che il prezzo del petrolio nell’immediato è previsto in aumento di almeno 10 dollari al barile, aumento che influirà sicuramente sul prezzo finale dei prodotti petroliferi.



© Riproduzione Riservata.