BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MATTEO CAGNONI / News, Giulia Ballestri: impronta di sangue sul frigo compatibile con quella del dermatologo? (Oggi, 12 gennaio 2017)

Matteo Cagnoni, ultime news: incidente probatorio su impronta impressa nel sangue confermerebbe compatibilità con le impronte del marito di Giulia Ballestri.

Giulia Ballestri e Matteo Cagnoni Giulia Ballestri e Matteo Cagnoni

MATTEO CAGNONI, NEWS GIULIA BALLESTRI: L’IMPRONTA DI SANGUE SUL FRIGO POTREBBE APPARTENERE A QUELLA DEL DERMATOLOGO (OGGI, 12 GENNAIO 2017) - Emergono novità importanti in merito all'omicidio di Giulia Ballestri, la giovane mamma 39enne di Ravenna, uccisa a colpi di bastonate lo scorso 16 settembre. Dell'omicidio e dell'occultamento di cadavere è accusato ed attualmente in carcere da ormai quattro mesi il marito e noto dermatologo dei vip, Matteo Cagnoni. Le novità sono relative agli esami compiuti dal perito nominato dal tribunale, Oscar Ghinozzi, nell'ambito dell'incidente probatorio sulle impronte presenti sul sangue, all'interno della villa disabitata divenuta il luogo del delitto di Giulia Ballestri. Stando a quanto riferito dal portale RavennaNotizie.it, proprio il chimico forense che ha eseguito l'incidente probatorio ha confermato la corretta esecuzione del lavoro svolto dalla Scientifica in merito al referto della traccia che sarà ora confrontata con le impronte di Matteo Cagnoni, principale sospettato. Il riferimento, nel dettaglio, è ad una impronta digitale impressa nel sangue e che la Scientifica di Bologna rivelò sulla parte superiore del frigorifero presente nella villa disabitata di via Genocchi, dove si sarebbe consumato il delitto di Giulia Ballestri. Tale impronta sembrerebbe del tutto compatibile con quella del marito Matteo Cagnoni. Con l'ulteriore conferma del perito, dunque, sarebbe stata ribadita, seppur implicitamente, la veridicità di quanto emerso lo scorso ottobre dai confronti effettuati dalla Scientifica. Gli esperti, in quell'occasione, avevano rivelato oltre 16 punti comuni tra l'impronta trovata e quella di Cagnoni, ovvero quanto basta per arrivare ad un giudizio di identificazione. Il confronto con il calco dell'impronta di Matteo Cagnoni potrebbe rappresentare la prova regina contro il dermatologo. Secondo quanto emerso dall'incidente probatorio eseguito dal perito, inoltre, la Scientifica avrebbe eseguito correttamente anche la rilevazione di una seconda impronta digitale, trovata nella medesima villa del delitto ma sullo spigolo del corridoio, a distanza di meno di un metro dal pavimento. Anche questa quasi certamente apparterrebbe al dermatologo accusato del delitto della moglie, ma su di essa non sarebbe ancora stato compiuto alcun confronto ufficiale.

© Riproduzione Riservata.