BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

LEA NOVITÀ IN SANITÀ/ Vaccinazioni ed esenzioni ticket: Assiobiomedica chiede miglioramento del SSN (oggi 14 gennaio 2017)

Il Governo ha varato ieri i nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea). Vediamo quali novità contiene, anche nel nomenclatore dell'assistenza protesica (ultime notizie, 14 gennaio 2017)

Beatrice Lorenzin (Lapresse)Beatrice Lorenzin (Lapresse)

I nuovi Lea approvati dal Governo, con novità importanti per la sanità, specie per vaccinazioni ed esenzioni ticket, non devono rappresentare un traguardo, ma un primo passo verso il miglioramento del Servizio sanitario nazionale. Lo mette in evidenza Assobiomedica, la federazione di Confindustria che rappresenta il settore dei dispositivi medici. “Ci auguriamo che la firma del testo con i nuovi Livelli essenziali di assistenza apra una stagione che va verso l’appropriatezza e la riorganizzazione del sistema sanitario italiano, in termini di una maggiore efficienza e sostenibilità del sistema”, si legge infatti in una nota di Assobiomedica, che ricorda anche l’importanza di un rinnovo tecnologico della sanità pubblica italiana che non può limitarsi all’introduzione di innovazioni a disposizione dei cittadini ogni 15 anni. “Auspichiamo che si adottino le modalità di acquisto e fornitura dei dispositivi più appropriate, affinchè sia offerta una scelta ampia nel rispetto delle esigenze terapeutiche e riabilitative e per l’equità di accesso all’innovazione”, aggiunge Assobiomedica.

Ci sono luci e ombre nei Lea (livelli essenziali di assistenza) varati ieri dal Governo. Lo spiega Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva. A suo modo di vedere, infatti, è molto positivo che dopo così tanto tempo ci sia un aggiornamento, comprensivo del nomenclatore di protesi e ausili, con l’introduzione di prestazioni indispensabili e innovative, oltre che il riconoscimento di alcune patologie croniche e rare e un aumento dell’offerta di vaccini. Tuttavia per Aceti c’è anche qualcosa che non va. Spiega infatti che c’è un aumento dei ticket a carico dei cittadini, quantificato in circa 18,1 milioni di euro, oltre che la riduzione di visite ed esami in esenzione par alcune malattie croniche. “E ancora si cancellano dalla lista Lea dispositivi erogati finora, come plantari e calzature ortopediche, perché si prescrivono troppo e non perché siano inutili”, aggiunge Aceti, il quale ricorda altresì che “questi Lea saranno rivisti a marzo e da quel momento in poi ogni anno ci sarà un depennamento e inserimento di nuove prestazioni”.

Il Governo ha varato ieri i nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea), ovvero quelle prestazioni e servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire ai cittadini o gratuitamente o dietro il pagamento di un ticket. Un provvedimento definito “un passaggio storico per la sanità italiana” dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Molta attesa e interesse c’era per la pubblicazione del nuovo nomenclatore dell’assistenza protesica. Infatti, il Ssn garantisce alle persone invalidi, o in attesa di riconoscimento dell’invalidità, le prestazioni che comportano l’erogazione di protesi, ortesi e ausili tecnologici. Ma solo di quelle contenute nell’apposito nomenclatore. Negli ultimi anni non erano mancate polemiche e proteste proprio per il fatto che questo importante documento non fosse aggiornato e non contenesse quindi anche importanti dispositivi tecnologici. Con i Lea approvati ieri, come ricorda quotidianosanita.it, sarà possibile prescrivere gli ausili informativi e di comunicazione, compresi i comunicatori oculari e le taslere adaEate per persone con gravissime disabilità. Oppure i dispositivi di allarme di telesoccorso. O ancora posate e suppellettili adattati per le disabilità motorie, barella per la doccia, scooter a quattro ruote, carrozzine con sistema di verticalizzazione, sollevatori fissi e per vasca da bagno, carrelli servoscala per interni. O i più sofisticati arti artificiali a tecnologia avanzata e i sistemi di riconoscimento vocale e di puntamento con lo sguardo. Per tanti disabili, quindi, i Lea contengono delle novità davvero importanti che possono contribuire a migliorare la loro qualità di vita.

© Riproduzione Riservata.