BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

I GENITORI DI FIGLI OMOSESSUALI/ Venti anni fa il messaggio della Chiesa “Sempre nostri figli”

Chiesa e comunità gay, messaggio d'inclusione a San Diego. Celebrati i vent'anni della lettera "Sempre i nostri figli", che sosteneva le famiglie cattoliche con figli gay 

La Chiesa negli Usa sostiene le famiglie con figli gay (foto LaPresse)La Chiesa negli Usa sostiene le famiglie con figli gay (foto LaPresse)

Dei membri della comunità cattolica LGBT e le loro famiglie si sono riunite in una chiesa di San Diego, negli Stati Uniti, lo scorso sabato per celebrare la Messa e il 20° anniversario di una lettera dei Vescovi che intendeva rispondere alle esigenze pastorali dei genitori cattolici con figli gay e lesbiche. Il comitato episcopale degli Stati Uniti sul matrimonio e la famiglia ha rilasciato la lettera "Sempre i nostri figli" nel 1997 come un tentativo di incoraggiare i genitori a non abbandonare i loro figli gay e lesbiche e di assicurare loro l'amore di Dio. All'epoca la lettera fu accolta con reazioni contrastanti, con alcuni cattolici che la bollarono come una capitolazione al movimento per i diritti degli omosessuali in ascesa, mentre altri affermarono che non si esponeva abbastanza per combattere il fanatismo nella chiesa e nella società in senso lato, nonché la discriminazione verso i gay. Durante l'omelia, il vescovo Dolan ha ricordato i vari risultati che alcuni genitori cattolici hanno ottenuto dai consigli ricevuti da parte dei sacerdoti su come dovrebbero reagire quando un loro figlio si rivela come gay o lesbica.

AARON BIANCO TENDE LA MANO ALLE FAMIGLIE

In molti di questi incontri con i pastori, i genitori sono stati accolti con amore e compassione mentre discutevano del "nuovo modo di vivere" dei loro figli. Aaron Bianco, collaboratore pastorale della parrocchia che ha programmato l' evento, si è detto incoraggiato dal numero di famiglie e che hanno partecipato all’evento, inclusi un paio di dozzine di cattolici provenienti da Palm Springs, California, che hanno guidato tre ore per partecipare. “Si poteva vedere gente piangere”, ha affermato Bianco, ricordando come una persona presente gli confidava di non essere stato a Messa in quasi tre decenni. Ha affermato che alcuni genitori, specialmente della comunità ispanica, gli avevano detto che si sentivano come se dovessero necessariamente prendere le distanze dalla loro chiesa o dai figli gay, una scelta che Bianco ha rivelato loro che non hanno bisogno di fare. “Potete amare il vostro bambino ed essere un membro attivo nella chiesa", ha affermato Aaron Bianco.

IL MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO

Mentre la Messa era stata originariamente annunciata per i genitori di gay e lesbiche, in onore della lettera originale, molti cattolici facenti parte della comunità LGBT ha voluto partecipare per elogiare l’iniziativa. Kyle Escobar-Humphries, che ha partecipato alla Messa con il marito, ha detto al The San Diego Union-Tribune, importante giornale della California: ”Iniziative come queste sono fondamentali, perché i miei figli hanno due papà gay e vorrei che capissero che questa chiesa è aperta a tutti. Voglio che comprendano come trattarsi l'un l'altro allo stesso modo ", ha continuato. Alla Messa ha partecipato anche il vescovo Robert McElroy, che dirige la diocesi. Ha affermato che la Messa era una risposta all' appello di Papa Francesco affinché la Chiesa servisse tutti, senza discriminazioni. “Papa Francesco ci chiama a raggiungere tutti con un messaggio di inclusione radicale ", ha affermato. 

 

© Riproduzione Riservata.