BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPERIMENTAZIONE ANIMALE / Proroga di tre anni per i test: scontro tra animalisti e ricercatori (Oggi, 15 febbraio 2017)

Sperimentazione animale, approvata una proroga di tre anni per i test: scontro tra animalisti e ricercatori. Ultime notizie oggi, 15 febbraio 2017 in aggiornamento live

Immagini di repertorio Immagini di repertorio

SPERIMENTAZIONE ANIMALE, PROROGA DI TRE ANNI PER L'ENTRATA IN VIGORE DEL DIVIETO (OGGI, 15 FEBBRAIO 2017) - Nel decreto Milleproroghe è stato posticipato il divieto di sperimentazione animale per test sulle sostanze d'abuso e xenotrapianti con una proroga di tre anni prima della sua entrata in vigore. Quindi i test sulle cavie per la ricerca su sostanze d'abuso e xenotrapianti potranno continuare fino al 2020. La proroga è stata approvata dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato ieri a maggioranza: si tratta dell'emendamento De Biasi, Cattaneo e altri che prevede tre anni (inizialmente erano cinque) di deroga al divieto di utilizzo della sperimentazione animale, divieto previsto dal decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 26. La proroga della sperimentazione animale ha provocato reazioni di segno opposto. L'onorevole Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell'Ambiente, ha commentato la decisione definendola una condanna a un "nuovo Medioevo della scienza". Brambilla ha sottolineato che "i test sugli animali per le sostanze di abuso sono completamente superati e ormai ingiustificabili" e visto che "gli animali non fumano e non si drogano" non si capisce perché debbano essere "riempiti di fumo e di droghe".

SPERIMENTAZIONE ANIMALE, SCONTRO TRA RICERCATORI E ANIMALISTI (OGGI, 15 FEBBRAIO 2017) - Contraria alla proroga della sperimentazione animale la Lav (Lega Anti Vivisezione) che parla di "esperimenti particolarmente inutili per i malati e crudeli per gli animali". “Il Ministro della Salute Lorenzin, basandosi solo su un parere di parte, ha aperto la strada alle sofferenze e alle uccisioni di altre decine di migliaia di animali, con iniezioni di droghe nell’addome o nel cervello, shock acustici o tattili con pinze e piastre ustionanti, contraddicendo una Legge del 2014 firmata da lei stessa come Ministro già tre anni fa - afferma la Lav – in Senato poi hanno prevalso gli interessi di pochi e superati sperimentatori di Università che, volutamente sordi ai metodi sostituivi di ricerca come già praticati in altri Paesi del mondo, vogliono continuare a usare animali e senza nessun beneficio per gli esseri umani, e questo a spese del contribuente”. Di segno opposto la posizione dei ricercatori, come riportato dall'agenzia di stampa Ansa. In una nota il presidente della associazione a favore dei test sugli animali "Pro-test Italia", Dario Padovan, spiega che la proroga di tre anni è stata "una media semplice tra le esigenze degli animalisti che non volevano deroghe, e la comunità scientifica che da anni sta cercando di far capire che questi capricci stanno di fatto bloccando milioni di finanziamenti alla ricerca italiana".

© Riproduzione Riservata.