BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SUICIDIO DI LAVAGNA/ Cattarina: caro Saviano, non sono le leggi a salvare la vita dei ragazzi

Pubblicazione:

Immagine dal web  Immagine dal web

SUICIDIO DI LAVAGNA. Il terribile episodio del ragazzo di Lavagna che si è ucciso durante una perquisizione della Guardia di finanza nella sua abitazione non lascia tranquilli. Alle analisi emotive, agli studi psicologici, al dolore si aggiunge adesso Saviano con un suo lungo articolo su Repubblica in cui sembra identificare tutta la faccenda come puro problema politico. Legalizziamo la droga leggera e nessun ragazzo si ucciderà più: "E' più accettabile che un sedicenne possa acquistare fumo in un coffee shop o da spacciatori che hanno a che fare da con un sottobosco criminale dal quale sarebbe consigliabile tenersi alla larga?". E ancora: "Responsabiltà politiche che si celano dietro un fatto privato". Per Silvio Cattarina, responsabile della comunità L'Imprevisto che accoglie e riabilita tanti giovani con problemi di droga, il discorso di Saviano va totalmente ribaltato: "Non è la politica che salva la vita dei ragazzi, la politica è troppo piccola per un problema così grande".

 

Cattarina, la coppa di una tragedia come quella di Lavagna è della politica come dice Saviano? E' un dato di fatto che la droga si trova ovunque senza problemi anche per un sedicenne.

Di droga in giro ce n'è tantissima, a fiumi. Se c'è una responsabilità politica, è l'opposto di quello che dice Saviano.

 

Cioè?

La droga è già fin troppo libera e presente, se la legalizzassimo sarebbe peggio, fin troppo accessibile. Se la politica ha una responsabilità è quello di far troppo poco per debellare lo spaccio, per stroncare il traffico e la produzione, lo smercio . Non è invece andare verso maggiore tolleranza, abitudine all'uso e commercializzazione. 

 

Saviano cita anche il caso Cucchi, dicendo che se ti trovano con della droga sei finito, non hai possibilità di riscatto. E' significativo che quando si parli di questo problema non si citano mai le tante comunità che lavorano con i drogati.

La possibilità di riscatto e di rinascita c'è. Ci sono tante comunità che lavorano molto bene. Cucchi muore non perché tossico, muore perché il valore della vita è sempre meno un valore, non è più sacra, il tasso di violenza e aggressività è sempre più indice di una mancanza di conoscenza del motivo per cui si sta al mondo ed è bello vivere. Cucchi non muore perché si drogava.

 

Siamo in un contesto malato, da entrambe le parti?

Io non penso che questo ragazzo si sia tolto la vita perché la Guardia di finanza è entrata a casa sua. Se fosse così, ogni giorno due o tre ragazzi in ogni città si toglierebbero la vita.

 

Quale allora il motivo?

Secondo me il vero motivo è che nessuno ha mai detto a questo ragazzo che c'è un grande motivo per essere al mondo. E' un fatto educativo, di mancata presenza degli adulti che non sanno comunicare ai ragazzi che c'è un grande scopo per cui si è venuti al mondo. Nella realtà c'è un grande invito a vivere, a studiare, a  lavorare, a darsi da fare. Tanti ragazzi pensano di essere capitati qui inutilmente, che non ci sia nella realtà una grande chiamata per ognuno. E allora quando capita un fatto come una perquisizione della polizia, ti sembra che caschi il mondo.

 

Invece?


  PAG. SUCC. >