BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESERCITO IRACHENO COME L'ISIS/ Video, torture ed esecuzioni: Baghdad si difende, ma ci sono filmati choc

Esercito iracheno come l'Isis, video choc: torture ed esecuzioni, Baghdad si difende, ma circolano molti filmati. Le ultime notizie sulle violenze dei soldati governativi a Mosul

Esercito iracheno come l'Isis (Foto: LaPresse) Esercito iracheno come l'Isis (Foto: LaPresse)

ESERCITO IRACHENO COME L'ISIS: VIDEO CHOC DI ESECUZIONI

Il web è pieno di immagini di esecuzioni da parte dei militanti dell'Isis, tutte terribilmente crudeli, ma ora nel mirino sono finiti i soldati iracheni che hanno liberato Mosul. La città sarebbe diventata teatro di torture inflitte ai jihadisti nelle ultime fasi della sua liberazione. Molte immagini circolano sui social media e mostrano le esecuzioni: in uno dei filmati si vede un uomo disarmato gettato dall'orlo di un precipizio e finito a colpi di arma da fuoco. La vittima è nel panico, viene picchiata con il calcio di un fucile e poi buttata di sotto, dove peraltro giace già un altro uomo. Questa esecuzione ricorda molto quelle usate proprio dall'Isis da cui Mosul è stata liberata. Tempo fa vi abbiamo raccontato di Falah Aziz, che dichiara di aver decapitato 50 combattenti dell'Isis senza subire alcuna conseguenza. Gli attivisti dei diritti umani denunciano torture ed esecuzioni sommarie anche da parte del governo iracheno: c'è un vero e proprio collasso di qualsiasi legge?

IRAQ, LE VIOLENZE DELL'ESERCITO GOVERNATIVO A MOSUL

In Iraq è stata avviata un'indagine sui filmati che circolano in rete e che riportano le esecuzioni di alcuni militanti dell'Isis. I video sono stati condannati anche da Human Rights Watch. Nei giorni scorsi un portavoce del Ministero della difesa iracheno ha dichiarato di non aver preso ancora visione di questi filmati scioccanti, ma ha precisato che certi incidenti non sono tollerati. Il governo di Baghdad ha confermato che le immagini delle esecuzioni sommarie verranno esaminati: se saranno giudicati autentici, i responsabili delle presunte torture finiranno sotto processo. L'esercito iracheno aveva provato a nascondere questi episodi nei mesi della battaglia di Mosul, ma con l'avvicinarsi della vittoria finale hanno perso ogni inibizione. I giornalisti che hanno avuto accesso alle zone liberate della città hanno quindi documentato scene drammatiche: ci sono foto di un cadavere di un miliziano dell'Isis legato ad un palo e crivellato di colpi. In un video si vede il cadavere di un uomo nudo, anche in questo caso legato a un palo dai soldati delle forze irachene.  

© Riproduzione Riservata.