BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

Incendio centro commerciale Napoli/ Anche il Vesuvio brucia ancora (ultime notizie)

Incendio in un doppio centro commerciale di Napoli: Giugliano, fiamme vicino all'Auchan. Ultime notizie in tempo reale, roghi anche ad Afragola presso il centro "Le porte di Napoli"

Incendi in Campania (LaPresse)Incendi in Campania (LaPresse)

In una giornata che ha visto di nuovo bruciare la Campania, la situazione si è fatta di nuovo difficile anche nella zona di San Giuseppe Vesuviano, estremamente provata negli ultimi giorni dalle fiamme. Nella zona di fronte a Torre del Greco sono stati di nuovo segnalati dei focolai, dopo che il Sindaco nella giornata di venerdì aveva affermato che, dopo una lunga battaglia col fuoco e l’aiuto dei Canadair, le fiamme erano state domate. I danni nel Parco Regionale del Vesuvio sono stati assolutamente ingenti e si pensa che, al di là dei soliti sospetti sull’attività dei piromani, il forte vento che si è alzato nel weekend e che ha raggiunto anche la costa occidentale del Paese abbia avuto la sua responsabilità nel ravvivare i vari focolai. Il vento si è dimostrato doppiamente nemico, visto che ha impedito a molti mezzi di soccorso di decollare e di portare acqua per soffocare sul nascere i focolai: la situazione viene tenuta d’occhio per non ritrovarsi di nuovo ad osservare impotenti un Parco Regionale del Vesuvio avvolto dalle fiamme.

INCENDIO CENTRO COMMERCIALE NAPOLI: ROGHI A GIUGLIANO E AFRAGOLA

BRUCIA L'AREA INDUSTRIALE VICINO A GIUGLIANO

La Campania non esaurisce l’emergenza incendi, e il sospetto è che siano sempre di più tutti provocati da origini dolose (ma le conferme arriveranno dopo i rilievi anche per gli ultimi roghi prodotti): dopo il Vesuvio, oggi sono i centri commerciali a Giugliano prima ed Afragola dopo a far vivere agli utenti e i dipendenti attimi di panico. Con la situazione incendi ancora attiva sul vulcano napoletano, la regione Campania e la stessa provincia di Napoli sono continuamente attraversati da mezzi dei Vigili del Fuoco e aiuti anche statali con Esercito e Protezione Civile. Stamane però incendio sorto non sulle colline del Vesuvio ma in un’area industriale vicino a Giugliano, con un enorme rogo tossico che ha devastato l’area dell’Auchan tra Giugliano e Qualiano. In quell’area di terreno erano stati riversati alcuni rifiuti, ma era la stessa zona dove fino a poco tempo fa risiedeva un campo rom: l’impressione è che per sbaglio (o per dolo, ancora tutto da appurare) quei rifiuti abbiano fatto incendiare le erbacce e altri materiali presenti, creando una nube di fumo pazzesca che ha terrorizzato i dipendenti dell’Auchan.

FIAMME VICINO ALLE  “PORTE DI NAPOLI” DI AFRAGOLA

I vigili del Fuoco hanno impiegato ore per spegnere l’incendio al centro commerciale di Giugliano: i clienti si sono allontanati in fretta per fuggire dalla nube di fumo tossico, spostata poi verso la Costiera con i mezzi di soccorso che per ore hanno tentato di spegnerla e contenerla. In questo pomeriggio la situazione è tornata nelle norma ma è scattata un’altra emergenza non molto distante, tra Afragola e Acerra, in un’altra area della cosiddetta “terra dei fuochi”. Come riporta Il Mattino di Napoli, l’incendio è scoppiato vicino al centro commerciale Le Porte di Napoli: «Le fiamme hanno lambito pericolosamente alcune auto parcheggiate nei pressi del centro commerciale: i clienti dello shopping center le hanno rimosse immediatamente evitando il peggio», spiega Napoli Fanpage, mentre il fumo ancora in questi minuti si è fatto forte vicino all’uscita di Casalnuovo. Strade chiuse e intervento in corso per i vigili del fuoco, la situazione d’emergenza in Campania è tutt’altro che terminata, con il forte dubbio che l’origine dolosa sia ancora l’ipotesi più probabile. 

© Riproduzione Riservata.