BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ISLAM E TERRORISMO SONO LEGATI/ Il leader musulmano: “l’Occidente non risolverà il problema negandolo”

Terrorismo e Islam, la riflessione dell'indonesiano Staquf, presidente della più grande associazione di musulmani in patria: "Non negare l'esistenza del problema, legami esistono"

Riflessioni sui legami tra islam e terrorismo Riflessioni sui legami tra islam e terrorismo

Il terrorismo e l'Islam sono collegati. Questa l’affermazione di Kyai Haji Yahya Cholil Staquf, segretario generale della più grande associazione musulmana (40 milioni di iscritti) in Indonesia. Affermazioni forti in un momento di grande emozione per gli attentati di Barcellona, che fanno percepire a livello globale il pericolo del terrorismo e del fondamentalismo islamico. Staquf ha invitato l'Occidente a non negare più questo collegamento. Secondo quanto dichiarato da Staquf al "Frankfurter Allgemeine Zeitung”, una delle più importanti testate giornalistiche della Germania: “C’è una chiara connessione tra il fondamentalismo, il terrorismo e i principi fondamentali dell'ortodossia islamica". Staquf ricopre il ruolo di segretario generale di Nahdlatul Ulama, la più grande associazione musulmana in Indonesia. "Finché non raggiungiamo un consenso su questo punto, non raggiungeremo una vittoria finale sulla violenza fondamentalista dell'Islam", ha affermato.

LE LEGGI DELLO STATO PREVALGONO SEMPRE SU QUELLE RELIGIOSE

Secondo Staquf, sono tre i punti dell’Islam tradizionale attualmente problematici. In primo luogo, il rapporto tra musulmani e non musulmani. La dottrina che afferma come i non musulmani siano considerati nemici dei musulmani è stata definita da Staquf come "irrazionale" per i tempi moderni, un freno che rende impossibile la pace in una società multiculturale e che oppone in un muro contro muro i musulmani contro il mondo non musulmano. Quindi, quello che Staquf definisce "un gruppo di leggi ferme e immutabili" Ovvero la Sharia, la terribile legge coranica che è coerente con la sua tradizione, ma porta a conflitti con le leggi degli stati nazionali secolari. ”Dobbiamo comprendere come le norme tradizionali della dottrina giuridica islamica siano assolutamente false”, ha affermato Staquf, stabilendo come i valori religiosi e la realtà sociale debbano adattarsi, con una logica prevalenza da parte della legge dello Stato.

SI STA DIFFONDENDO L'ISLAMOFOBIA

Staquf ha sottolineato come alcuni presupposti fondamentali dell'Islam dovrebbero essere compresi "nel contesto del loro periodo di origine" e non necessariamente come istruzione da seguire pedissequamente per il presente. Troppi musulmani in tutto il mondo hanno visto la convivenza pacifica delle diverse fedi come qualcosa che doveva essere combattuto. Molti europei hanno percepito questa ostilità, e tutto questo porta ad una "paura crescente" nei confronti dell'Islam. "In questo senso, alcuni miei amici occidentali sono islamofobici, hanno paura dell'Islam e posso capirlo”, ha affermato Staquf, continuando: “I politici occidentali dovrebbero smettere di dirci che il fondamentalismo e la violenza non hanno nulla a che fare con l'Islam. Si capisce che lo scopo di queste affermazioni è quello di evitare divisioni. Ma se neghi un problema, non puoi risolverlo”. Staquf ha anche invitato l'Occidente a mettere l'Arabia Saudita sotto pressione di fronte alle proprie responsabilità, per “smettere di distribuire in modo massiccio ovunque nel mondo i soldi per diffondere la loro visione ultraconservatrice dell'Islam".

© Riproduzione Riservata.