BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

BRESCIA, NEONATO ABBANDONATO IN CARROZZINA A VICOLO NOTTOLE/ La testimonianza del poliziotto

Brescia, neonato abbandonato in un passeggino: si cercano i genitori del piccolo bimbo di appena un mese. E' accaduto nella tarda serata di ieri, poco prima delle 21:00

Neonato abbandonato in centro a BresciaNeonato abbandonato in centro a Brescia

"Abbiamo visto subito che la segnalazione era vera. C'era un bambino. Piangeva e l'ho subito preso in braccio. Si è calmato. Ho due figlie, una di 4 e una di 8 anni», ha risposto a chi gli ha notato la sua grande dimestichezza col piccolo. Questa la testimonianza diretta l'assistente della Polizia di Stato Antonio Matrone, il poliziotto che per primo ha trovato il bimbo abbandonato in vicolo delle Nottole a Brescia e che poi, fino al momento in cui il piccolo è stato trasferito in ospedale, lo ha tenuto in braccio e lo ha accudito. Una testimonianza importante e commovente, col poliziotto che si è preso cura del neonato con grande attenzione, giocando un ruolo decisivo nel suo salvataggio. (agg. di Fabio Belli)

POLIZIA SULLE TRACCE DEI GENITORI

Sta commuovendo il web, e al contempo fa montare la rabbia, la notizia del piccolo di appena dieci giorni che ieri sera è stato ritrovato in vicolo delle Nottole a Brescia. Un residente della zona ha lanciato l’allarme immediatamente e il personale medico è intervenuto con prontezza: il neonato sta bene ed è in buona salute. Come sottolineato da Repubblica, le forze dell’ordine sono al lavoro per individuare la mamma e il papà del piccolo: sono state visionate nel corso di queste ore le telecamere della zona. In Vicolo delle Nottole non sono presenti, ma la polizia sta cercando di individuare i genitori del bambino incrociando i vari percorsi. In corso inoltre accertamenti nei reparti di neonatologia degli ospedali per identificare tutte le mamme che hanno messo al mondo un bambino una decina di giorni fa. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

IL PICCOLO PUO' ESSERE ABBANDONATO?

Cosa sarà del neonato abbandonato a Brescia in vicolo Nottole? Sono in tanti a chiedersi quale sarà il destino del piccolo: verrà adottato? Sarà dato in affidamento in una struttura? A fare un po' di chiarezza c'ha provato Il Giornale di Brescia, sottolineando come "per i bimbi nati in ospedale da mamme che non li hanno riconosciuti, il cosiddetto parto in anonimato (Dpr 396/2000, art 30), la procedura è snella e fa sì che il piccolo venga dichiarato adottabile in poche settimane e che si trovi tra le braccia dei nuovi genitori in circa un mese". Lo stesso accade per un bambino abbandonato. Spetta all'ospedale fare segnalazione all'Ufficiale di stato civile, che a sua volta compilando l’atto di nascita scriverà che il piccolo è figlio di genitori ignoti. Da quel momento in poi il piccolo risulterà adottabile. Spesso è capitato che a pochi giorni dal ritrovamento il neonato venga affidato ad una nuova famiglia che - in assenza di intoppi - diventerà anche quella adottiva. Ma chi può adottare? Anche in questo caso la legge è chiara: coppie sposate da almeno tre anni (o meno se dimostrano di aver convissuto prima delle nozze) che abbiamo fatto domanda al Tribunale dei minorenni e completato l’iter per essere dichiarati idonei. (agg. di Dario D'Angelo)

UN CASO SIMILE DUE ANNI FA

Sta facendo il giro del web la notizia riguardante il piccolo bimbo di appena 10 giorni, ritrovato nella tarda serata di ieri nel centro storico di Brescia. Un maschietto con addosso una vestina azzurra è stato ritrovato in un passeggino da una signora, mentre piangeva al freddo e sotto la pioggia. Un caso che riporta alla mente quanto accaduto due anni fa sempre nella stessa città bresciana. A dicembre del 2016 venne abbandonata una bimba piccolissima, lasciata in una culla di plastica improvvisata, davanti alla cancellata dell’ex seminario diocesano. Lucia Maria, come la chiamarono in seguito gli operatori del pronto soccorso pediatrico dell’ospedale Civile che la curarono, venne soccorsa dal portinaio dello stabile, un albanese che all’epoca aveva 44 anni, e che si commosse per quel ritrovamento, tra l’altro avvenuto in un periodo natalizio, quasi come fosse un dono lasciato dal Signore. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

IL BIMBO HA APPENA 10 GIORNI

Secondo le prime stime dei medici, il neonato ritrovato ieri sera in centro a Brescia, avrebbe tra i sette e i dieci giorni di vita: per fortuna la signora Leonella è intervenuta, di fatto salvando quella piccolissima vita abbandonata da chissà quante ore in quel vicolo. All’interno del passeggino, il piccolo bimbo era “accompagnato” solo da una coperta, una serie di cambi e un biberon di latte, come se i genitori che forse lo hanno abbandonato avessero provato a lasciare qualche primo aiuto a chi eventualmente lo avrebbe trovato. Resta tragico il tentativo di abbandonare una così piccola e innocente vita e probabilmente i motivi che stanno dietro a tale scelta sono ancora più tragici: gli inquirenti provano dai pochi rilievi trovati ad inseguire la pista dei genitori in fuga, con i controlli scattati già in tutti gli ospedali della zona per verificare tutti i bimbi maschi nati negli ultimi 15 giorni e le coppie di genitori. (agg. di Niccolò Magnani)

NEONATO ABBANDONATO IN CENTRO A BRESCIA

Un bambino appena nato, poco più di un mese, è stato ritrovato nelle scorse ore in quel di Brescia. Come riferito da varie testate, a cominciare dal Corriere edizione bresciana, il piccolo è stato rinvenuto nel centro della città lombarda in un passeggino, e il ritrovamento è avvenuto di preciso in vicolo delle Nottole, pieno centro storico, nella tarda serata di ieri. A capire che qualcosa non andava, è stata una residente della zona, la signora Leonella, che dal balcone si è appunto accorta di un passeggino con al suo interno un piccolo bambino vestito con una tutina azzurra, ma senza alcun adulto vicino. A quel punto sono state subito allertate le forze dell’ordine e poco dopo sono arrivati i vigili, la Polizia e l’ambulanza.

IL BIMBO STA BENE

Il piccolo, che sembra italiano, sta bene ed è stato portato in ospedale, presso il Civile, per accertamenti, nel contempo, gli agenti della Questura hanno iniziato a cercare i genitori del bimbo. La scoperta è avvenuta poco prima delle ore 21:00 di ieri sera, e in quel di Brescia stava piovendo, ma il bambino non ha fortunatamente riportato alcuna grave conseguenza fisica: il piccolo singhiozzava, piangeva, ed era spaventato, e come dargli torto, abbandonato al freddo, con solamente una tutina addosso. Un caso simile, come fa sapere il Giornale di Brescia, era avvenuto nel 2016, sempre nella città, quando un bimbo era stato lasciato all’esterno del seminario diocesano di via Bollani: in quel caso fu abbandonata una bambina.

© Riproduzione Riservata.