BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TERREMOTO CAMPANIA/ Scossa di 2.9 gradi in provincia di Salerno, 13 giugno

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

L'epicentro e la magnitudo del terremoto - Una scossa di terremoto di 2.9 gradi della scala Richter è stata registrata oggi 13 giugno alle ore 13 e 06  in provincia di Salerno in Campania. L'evento sismico è stato rilevato nel distretto dell'Irpinia alle coordinate 40.778°N, 15.264°E e a una profondità di 15,7 chilometri. Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV. Secondo quanto riportato dalle autorità non si sono registrati danni a cose o persone. I comuni compresi in un raggio di dieci chilometri dall'epicentro sono quelli di CALABRITTO (AV), CAPOSELE (AV), SENERCHIA (AV), TEORA (AV), CASTELNUOVO DI CONZA (SA), COLLIANO (SA), LAVIANO (SA), OLIVETO CITRA (SA), SANTOMENNA (SA), VALVA (SA). Quelli invece a circa venti chilometri di distanza sono quelli di ANDRETTA (AV), CAIRANO (AV), CONZA DELLA CAMPANIA (AV), GUARDIA LOMBARDI (AV), LIONI (AV), MORRA DE SANCTIS (AV), SANT'ANDREA DI CONZA (AV), SANT'ANGELO DEI LOMBARDI (AV), BUCCINO (SA), CAMPAGNA (SA), CONTURSI TERME (SA), PALOMONTE (SA), SAN GREGORIO MAGNO (SA), CASTELGRANDE (PZ), PESCOPAGANO (PZ). Come si vede, la scossa è stata avvertita in un ampio raggio che comprende le province di Salerno, Avellino e Potenza nella Basilicata. Si tratta di un territorio ad ampio rischio sismico, colpito in passato da terremoti devastanti. Questa zona era da un po' di tempo che non rilasciava eventi sismici di magnitudo  quasi tre gradi. L'Italia in questo periodo sembra attraversata da nord a sud da eventi sismici: infatti oltre a quello molto forte che ha colpito l'Emilia-Romagna, da diverse settimane si registrano scosse fortunatamente non molto forti nel Pollino, al confine tra Calabria e Basilicata a cui si aggiunge questa nuova scossa in Campania e quella registrata qualche giorno fa di magnitudo 4.5 gradi in provincia di Belluno. Secondo gli esperti la causa è da ricercare nel movimento dell'Africa verso nord che schiaccerebbe la nostra penisola contro le Alpi. In Emilia dopo le scosse che hanno causato danni gravissimi e molti morti, continuano a registrarsi eventi: questa notte le scosse sono state undici, fortunatamente id una magnitudo molto limitata. 



  PAG. SUCC. >