BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RECENSIONI/ Gli States raccontati da Riro Maniscalco, un "italiano trapiantato in America"

Pubblicazione:

spiaggiaR375_12set08.jpg

Maurizio “Riro” Maniscalco è nato a Pesaro dove ha vissuto per i primi quarant’anni. Oggi è “un italiano trapiantato in America”, come recita il sottotitolo del suo primo libro, Mi mancano solo le Hawaii, presentato lo scorso agosto al Meeting di Rimini. Un libro, che prende sin dalle prime pagine specie se si è appassionati di viaggi, di storie, aneddoti e di incontri.

Capitano di rado, libri così. Che cosa spinge un italiano già ben piantato nella sua città natale, con tanto di famiglia, a mollare tutto e provare la grande avventura americana? Il desiderio di toccare con mano un mondo a lungo sognato da ragazzo (i grattacieli, gli indiani, la musica blues ecc.). Ciò che Riro Maniscalco, che risiede a New York ormai da una quindicina di anni, racconta in questo libro è tutt'altro rispetto alle mille luci della città che non dorme mai, e alla “terra promessa” di tanti miti americani inventati dalle nostre parti. Ecco allora la quotidianità di un'America come nessuno la racconta: il tacchino di Evansville, ovvero come mandare una troupe televisiva a filmare un tacchino selvatico che passeggia per le strade della cittadina, il "game day" di South Bend, Indiana, in cui una semplice partita di football diventa festa nazionale, la casa del vescovo di Miami, con tanto di piscina e vista sul mare. O ancora: scordatevi i grandi concerti di massa con le super star: Riro vi porta a conoscere, ad Harlem, un'anziana signora di colore che ogni domenica mattina invita i migliori musicisti jazz a casa sua. E New Orleans: come girare al largo dalle mete turistiche e scoprire in una stradina deserta una dance hall di autentica musica cajun accoppiata a una pista da bowling. Riro si muove freneticamente per tutti gli Stati Uniti (gli mancano solo le Hawaii), sempre in visita da amici.

Nel libro si incontrano famiglie che crescono coraggiosamente i propri numerosi figli, lavorano sodo, hanno valori a cui far riferimento. In mezzo, i paesaggi meravigliosi dei deserti, delle foreste, delle coste, sempre descritti con lo stupore di chi si arrende alla bellezza che lo circonda e con un sano realismo.

< br/>
© Riproduzione Riservata.