BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISTIANESIMO/ Agnese di Boemia, quando i santi cambiano la storia

Pubblicazione:

agneseboemiaR375_12nov09.jpg

 

Il 17 novembre infatti la manifestazione pubblica indetta dagli universitari e autorizzata dalle autorità, per ricordare il 50° della morte dello studente Jan Opletal avvenuta durante gli scontri antinazisti del '39, era stata per molti l'occasione per scendere in piazza e chiedere apertamente diritti e libertà. Il regime comunista andò in panico e fece intervenire brutalmente la polizia. L'episodio suscitò scalpore e indignazione in tutto il paese. All'interno del Partito si acuì la spaccatura tra i favorevoli al dialogo con le realtà informali uscite allo scoperto, e i «dinosauri» che ipotizzavano persino un'«autoinvasione» in stile Jaruzelski. Nel giro di una settimana, tra scioperi e manifestazioni, il regime comunista crollò come un castello di carte. Scrisse Zverina: «Avevano fatto di sant'Agnese un'eroina nazionale e una socialista. Ecco un esempio di lavaggio del cervello con infusione di categorie ideologiche. Noi la veneriamo come santa. E questo non deve dar fastidio a nessuno: quello che di più santo c'è nella nostra nazione: la carità, che è la radice più profonda e disinteressata del servizio all'uomo, noi lo vediamo incarnato in Agnese».

Oggi l'area dell'antico monastero («Na Frantisku», in riva alla Moldava) è sede della Galleria Nazionale; quest'anno in onore della principessa premyslide sono in programma concerti, funzioni religiose e convegni. In fondo, anche lei è stata una protagonista della Rivoluzione di velluto.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
13/11/2009 - commento al commento (Gianuizzi Caterina)

Certo, pensare che Stalin ha studiato in un seminario... La libertà dell'uomo è proprio un mistero. Ma Dio è più grande.

 
13/11/2009 - S. Agnese di Boemia. (Carla D'Agostino Ungaretti)

E poi vogliono negare le radici cristiane d'Europa! O sono matti, o sono stupidi, o sono ignoranti, o sono le tre cose insieme come dimostrò di essere matto, stupido e ignorante Stalin quando demolì una bellissima e antica chiesa di Mosca per ricavare, su quell'area, una piscina per il popolo. Credeva, così, nella sua stupida ignoranza, di recidere le radici cristiane della Russia. Infatti, sparito il comunismo, la chiesa è stata ricostruita identica all'originale. E ora vogliono pure abolire il crocifisso, dimenticando che, se noi europei abbiamo università, ospedali, diritti e dignità lo dobbiamo alla civiltà cristiana! S. Agnese di Boemia, illuminali tu!