BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANT’ANSELMO/ Stato e Chiesa nell’Europa cristiana, una vita dedicata alla teologia

Pubblicazione:

anselmomedR375_17nov09.jpg

 

In mostra è documentato, pertanto, quanto è giunto a noi: del grande monastero matrice di Cluny, in Borgogna, caratterizzato da autorità straordinaria all’epoca; dell’affascinante chiostro, pervenutoci quasi completo, dell’abbazia cluniacense di San Pietro di Moissac, nell’attuale provincia di Tarne-et-Garonne; del complesso di monastero, palazzo vescovile, cattedrale e annessi, con alte mura di Canterbury, in Inghilterra, dove Anselmo fu primate dopo l’abate vescovo Lanfranco di Pavia e prima del celebre Thomas Becket, che vi fu assassinato. In sintesi l’esposizione consente di cogliere, in modo chiaro ma anche molto controllato, un intreccio di temi di cultura, religiosità, politica, filosofia, teologia, di cui Anselmo fu protagonista, chiamando ad un paragone con la qualità e complessità di quegli stessi temi nel nostro tempo. Consente anche di cogliere l’importanza del movimento monastico medievale nelle costituzione dell’identità cristiana europea.

Nell’epoca in cui Anselmo visse, il monachesimo benedettino era al vertice del proprio sviluppo, sia nella formulazione originaria che in quelle riformate. Costellava con monasteri/cittadelle autonome, in foreste, in recessi collinari e montani, oppure a distanza relativa da città, gran parte dell’Europa, con una densità per noi difficile da concepire. Conservando una originaria funzione oppositiva al seculum, al mondo dei non-monaci, i monasteri si impegnavano nella formazione globale della persona che ne entrava a far parte. La loro rete geografica sosteneva una corrispondenza fittissima di relazioni, di informazioni e scambi anche con paesi lontani, di cui godevano persino città e villaggi. La stessa rete era tramite fondamentale di rapporti diretti con il papato, di conseguenza di relazioni importanti con i vescovadi disseminati sul territorio.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >